21/08/2017

Il Toluca brinda in Messico

dicembre 24, 2008 di  
Inserito in Calcio Estero

toluca

Il Toluca fa festa
copyright flickr.com

Anacronismi. Dicembre è il mese “angelico” per eccellenza. Non quest’anno, se pensiamo che i Red Devils del Manchester Utd sono campioni del Mondo e il loro alfiere, Cristiano Ronaldo è pallone d’oro. I diavoli del Milan non se la passeranno benissimo, ma in dicembre hanno presentato l’ennesima perla della loro collezione, Beckham. Anche nel lontano Messico sono i diavoli (o meglio los diablos) a festeggiare.

Il Toluca, club fondato nel 1917, ha infatti vinto il campionato di Apertura 2008, nono sigillo della sua storia. I rossi di “Chepo” De La Torre si sono imposti a sorpresa ai rigori nella finale contro il Cruz Azul. Si, perchè il campionato messicano ha una formula molto “America”, potremmo dire: 18 squadre divise in 3 gironi, e play off tra le migliori. Il Toluca è stato bravo e fortunato a farsi trovare in forma proprio nel momento più importante della stagione, dopo una regular season davvero non convincente. Messi in fila i Tecos e il Santos Laguna, nella finale di andata i Diablos hanno battuto a sorpresa i favoriti del Cruz Azul (la squadra di Gerardo Torrado e del giovane Villaluz, compagno del gunner Vela e dello spur Giovani Dos Santos del Messico Campione del Mondo Under 17) 2-0 in trasferta. Discorso chiuso? Neanche per sogno: al Nemesio Diaz, lo stadio del Toluca, la Maquina Cementeria è riuscita a rimontare lo svantaggio imponendosi proprio 2-0.

Si andava ai rigori. Dopo 12 trasformazioni toccava ad Almzan, difensore del Toluca: il suo tiro si stampava sulla trasferta ma sbatteva sulla schiena del portiere Yosgart e si insaccava beffardamente in rete. Nel tiro successivo il portiere Cristante ipnotizzava Alejandro Vela e regalava il titolo ai rossi. Protagonisti dell’impresa, oltre ai due succitati, meritano una menzione Zinha, centrocampista brasiliano tutta sostanza e il capitano Paulo Da Silva, paraguayano che qualcuno ricorderà come meteora nel Perugia di Gaucci, nel Venezia e nel Cosenza e autore di una prestazione straordinaria nella fnale di andata.