25/09/2017

Il Barça “tritatutto” è già campione d’inverno. Risorge il Real

dicembre 22, 2008 di  
Inserito in Liga

henry

Henry gela il Madrigal
copyright flickr.com

Madrid– Siamo appena a Natale ma la Liga pare già un discorso chiuso. Il Barcellona di Guardiola supera l’ennesimo esame stendendo il Villarreal e vola via lontanissimo, a +10. Piccoli o grandi che siano, i blaugrana non hanno fatto differenza, spazzando tutti gli avversari incrociati durante il suo cammino. Il vantaggio lievita anche in virtù del pari del Siviglia e del ko del Valencia che si arrende ad un redivivo Real Madrid. Bene l’Atletico che sale al terzo posto. In fondo, risorge con un pokerissimo l’Osasuna.

Affondato anche il Sottomarino– A tre giornate dal termine del girone d’andata, i blaugrana sono già matematicamente campioni d’inverno. Al Madrigal la formazione di Guardiola ha dato un’ulteriore dimostrazione di maturità. Al contrario dei precedenti successi -goleade contro formazioni di seconda fascia, affermazioni convincenti e autoritarie contro rivali dirette come Real, Siviglia e Valencia- la capolista va sotto e soffre, ma riemerge alla grande. L’undici di Pellegrini ha confermato infatti la sua solidità e pericolosità portandosi in vantaggio con Cani, superbamente servito da Giuseppe Rossi. I catalani non si sono scomposti, agganciando il Sottomarino con un’inzuccata di Keita e affondandolo con una voleè di Henry (8° centro in campionato; sotto la gestione Guardiola il francese sta ritrovando l’antica verve). Nel finale, complice l’espulsione di Piquè, i locali sfiorano -senza coglierlo- il pari. Il Villarreal scivola al 5°posto e vede volare lontanissimo il Barcellona, lassù dove (probabilmente) nessuno lo raggiungerà più.

higuain

Resurrezione Real targata Higuain
biini/copyright flickr.com

Primo sorriso per Ramos– Torna il sereno in casa Real. Dopo la serie di tre sconfitte consecutive corredata dalla resa ufficiale ai rivali del Barcellona, le merengues accorciano sulle inseguitrici con il fondamentale successo sul Valencia. Decisivo il solito Higuain (11° centro nella Liga) dopo appena 3′, ma si mette in luce soprattutto Robben, assist man nell’occasione e vera spina nel fianco della formazione di Emery. L’1-0 non fotografa comunque l’andamento del match, contraddistinto da occasioni a go-go, legni da ambo le parti e spettacolo. Primo successo in campionato per Juande Ramos che aggancia così il collega Emery a quota 30.

Colchoneros terzi– Balza al terzo posto l’Atletico che espugna l’Olimpico di Barcellona. Il quarto successo consecutivo rojiblanco matura nel finale di partita. Sull’1-1, la doppietta di Maxi Rodriguez e il sigillo di Aguero regalano i tre punti ai colchoneros. Inutile il 2-3 di Valdo al 94′, la crisi dell’Espanyol (ora in zona retrocessione) è sempre più nera. Si blocca invece il Siviglia in quel di Maiorca. Lo scialbo 0-0 che segue la cocente eliminazione dalla Uefa per mano della Samp allontana gli andalusi dalla vetta.

Finalmente l’Osasuna– Si regala un Natale un pò più sereno l’Osasuna che raccoglie il secondo successo stagionale contro il Getafe con un rotondo 5-2. La zona salvezza è appena due gradini sopra. Continua la sua personale altalena di risultati il Deportivo La Coruna, convincente in casa e balbettante in trasferta. Stavolta è il Recreativo a piegarsi alla legge del Riazor. La formazione di Lotina fiuta l’aria di alta classifica, anche se per puntare ad un piazzamento migliore ci vorrà più continuità. Importanti in chiave salvezza il blitz dell’Athletic che sbanca Siviglia con Martinez e l’incredibile affermazione del Numancia sul Valladolid: sotto 1-3, i padroni di casa firmano una super rimonta negli ultimi cinque minuti portandosi sul 4-3. Infine, pari in Racing-Malaga.