21/10/2017

Ligue 1: Impattano OL e OM, ne approfittano Bordeaux e PSG

dicembre 16, 2008 di  
Inserito in Ligue 1 francese

cavenaghi

Avanza il Bordeaux del capocannoniere Cavenaghi
afp getty images

PARIGI- La 18′ giornata di Ligue 1 metteva di fronte le regine di Francia. Da una parte l’Olympique Lione che da 7 anni domina incontrastato il campionato, nonché capolista e dall’altra l’Olympique Marsiglia, la più nobile tra le suadre transalpine, l’unica a vantare in bacheca la Coppa dei Campioni, secondo in classifica a 3 punti. Un match dal pedigree nobilissimo, insomma. Un match che ha mobilitato la Francia, se è vero che si è registrato il record di audience per una partita di campionato (2,91 milioni di persone davanti alla TV domenica sera). E dire che le due squadre si presentavano non certo al meglio: i lionesi avevano racimolato un punto nelle ultime 3 partite, in casa con il Valenciennes, perdendo le trasferte di Nantes e Parigi. Male anche i marsigliesi, 5 punti in 4 partite (vittoria in casa col Nizza, pareggi a Tolosa e con il Lille, rovescio interno col Lorient) con l’aggravante dell’eliminazione dalla Champions. Ne è venuto fuori un big match in tono minore, dove nessuna delle due contendenti ha rischiato troppo. Un brutto 0-0, insomma, che non muove la classifica in attesa di tempi migliori. Ma dietro corrono.

Bordeaux e PSG ok- Vincono in trasferta e agganciano al secondo posto il Marsiglia. I girondini s’impongono a Le Mans 3-1. Gol tutti nella ripresa, apre Cavenaghi, pareggia Helstad, ma nell’ultimo quarto d’ora Chalmé e Jussie firmano il successo per gli uomini di Blanc. Il PSG invece vince ad Auxerre 2-1 grazie alla prima doppietta stagionale di Sessegnon, centrocampista del Benin. Crisetta del Nizza, che si fa battere in casa e raggiungere in classifica dal Lille 1-0 (rete del solito Bastos). Tra le squadre di testa vince il Tolosa, 3-1 al Saint Etienne. Mattatore Gignac, autore di una doppietta e con 10 gol stagionali è primo nella classifica marcatori (con Hoarau e Cavenaghi). Finisce a reti bianche infine il derby bretone tra il Rennes, al 16′ risultato utile di fila, il 10′ pareggio, e il Nantes, che conferma il suo buon momento.

Affonda il Le Havre, si rialza il Valenciennes- Bella vittoria (non succedeva dal 23 agosto) per 3-1 in rimonta dei fiamminghi al Monaco (Sanchez Moreno, Belmadi e Pujol rispondono all’iniziale vantaggio di Pino), che lasciano l’ultimo posto in classifica al Le Havre, sconfitto in casa da un ottimo Lorient 3-1. I Merluzzi si confermano squadra corsara andando a segno con Mansouri, Gameiro e il redivivo Vahirua. Importante anche il successo del Nancy. I lorenesi battono 2-0 il Grenoble grazie a Feret e Dia e si allontano dalla zona calda. Pari infine tra Sochaux e Caen. Due punti persi per i normanni, in vantaggio 2-0 fino ad un quarto d’ora dalla fine (doppietta di Gomis); un punto guadagnato per la squadra della Peugeot, capace di pareggiare  con una doppietta di Privat.