23/09/2017

Si fermano le big. A picco il City

dicembre 15, 2008 di  
Inserito in Premier League

Alla fine, forse, tutte si mangeranno le mani. Liverpool, Arsenal, Manchester United e Chelsea, conquistano un solo punto in questa giornata, fallendo così l’opportunità di guadagnare punti sulle inseguitrici.

Chelsea-West Ham 1-1
Dopo il derby perso con gli Spurs lunedì scorso, gli Hammers di Zola fanno uno scherzetto al Chelsea, che aveva l’opportunità di passare al comando in solitaria, giocando il posticipo. Ma il West Ham fa capire subito a Lampard e soci di non avere intenzione di fare da comparsa passiva e passa in vantaggio al 33’ con Bellamy, servito da Noble. Le castagne dal fuoco del Chelsea le toglie il solito Anelka al 50’, su assistenza di Lampard. Spingono i padroni di casa alla ricerca del vantaggio, ma trovano solo una traversa su corner. Zola dà un piccolo dispiacere alla sua ex squadra ed il West Ham respira.

owen

Resurrezione per Owen e il Newcastle
lue driver/copyright flickr.com

Portsmouth-Newcastle 0-3
Risorgono i Magpies dopo la rimonta sciagurata di sette giorni fa. Nel secondo tempo tutte le reti dei bianconeri, con Owen (52’), Martins (77’) e Guthrie (89’), dopo che nella prima frazione, il Portsmouth si era fatto preferire agli avversari.

Tottenham-Manchester Utd 0-0
Pressing e contropiede. E’ questa la ricetta di Redknapp per provare a “cuocere” lo United, già con la testa all’Intercontinentale. Le occasioni per gli Spurs fioccano e Van Der Sar si dimostra pronto e reattivo già nel primo tempo su Bentley e Lennon. Nella ripresa dopo un gol annullato a Ronaldo, ancora il portiere olandese nega il vantaggio ad una punizione perfetta di Bentley. Il dirimpettaio di Van Der Sar, Gomes, non è però da meno ed è super sulle conclusioni di Tevez e Park. Berbatov, fischiatissimo, non incide e il Tottenham, continua a bloccare le grandi, dopo la vittoria contro il Liverpool e i pareggi contro Arsenal e Chelsea.

Wigan-Blackburn 3-0
Notte fonda per il Blackburn che continua ad arrancare. In due minuti il Wigan va a segno con Heskey e Valencia, senza dare agli avversari opportunità di replica. Poi, quando i Rovers ci provano, ecco la rete del 3-0, firmata da Cattermole al 77’ che chiude il match e spegne la luce al Blackburn.

Sunderland-W.B.A. 4-0
Chi sta peggio del Blackburn è sicuramente il West Bromwich. Gli Albions sono ultimi ed il distacco dalla quota salvezza si fa sempre più ampio. In due minuti (al 22’ e 23’) Jones realizza una doppietta per i padroni di casa ed incanala il match sui binari giusti per la propria squadra. Reid prima dell’intervallo mette le cose in chiaro con il 3-0. Al 46’ c’è anche il punto esclamativo di Cissè che annichilisce gli ospiti, mai in partita.

cahill

Cahill firma il colpaccio contro i citizens
jim’s pics/copyright flickr.com

Stoke City-Fulham 0-0
Poche emozioni in questo match, con lo Stoke che non effettua nemmeno un tiro nello specchio della porta di Schwarzer.

Manchester City-Everton 0-1
Grande prestazione dell’Everton che vince a Manchester, proprio al 90’. L’autore del gol è l’australiano Tim Cahill, che punisce così i Citizens, che avranno sì i dollari degli sceicchi, ma i punti in classifica non si comprano.

Liverpool-Hull City 2-2
Alzi la mano chi avrebbe speso un pound sul bel campionato delle Tigri di Hull City? Ebbene a Liverpool, l’Hull dà un’altra dimostrazione agli scettici, portandosi sullo 0-2 in 22’, grazie alle reti di McShane e all’autogol di Carragher. Ci vuole tutta la grinta e la forza del capitano dei Reds, Steven Gerrard, per raddrizzare il match: una doppietta da vero trascinatore. Nella ripresa poi le barricate del Liverpool non sortiscono gli effetti sperati e l’Hull (che deve ringraziare anche il palo) porta a casa un puntone di sofferenza all’Anfield.

agbonlahor

Doppietta Agbonlahor, i Villans volano

Aston Villa-Bolton 4-2
Tre punti d’oro per i Villans che continuano a salire, anche grazie ai risultati delle altre. I primi a passare in questa sfida però sono gli ospiti, con Elmander al 17’, ma Agbonlahor impatta il match dopo poco. A 5’ dal riposo, una sfortunata deviazione nella propria rete di Davies, fa alzare la testa all’Aston Villa, che legittimano il vantaggio nella ripresa, al 68’, ancora grazie al bravissimo Agbonlahor. Partita chiusa al 78’, ad opera di Young, ma prima del termine delle ostilità, Davies si fa perdonare dai propri tifosi, realizzando il definitivo 4-2.

Middlesbrough-Arsenal 1-1
I Gunners continuano ad avere problemi e non spiccano il volo, ancora una volta. Dopo il vantaggio di Adebayor, di testa al 17’, i ragazzi di Wenger si fanno raggiungere dal gol dell’ex Aliadiere, che con bel colpo di testa su cross di Tuncay, beffa Gallas e Almunia, trovando l’1-1. La gara è divertente, ma nonostante le occasioni, l’Arsenal non riesce a concretizzare ciò che crea e la gara termina in parità, dopo il botta e risposta iniziale.