20/08/2017

Juve, l’anti Inter sei tu. Milan annichilito

dicembre 15, 2008 di  
Inserito in Juventus, Milan, Serie A

amaurijuve

Amauri incubo rossonero nella serata dell’Olimpico

Torino– La Juventus batte allo stadio Olimpico il Milan, nelle sfida tra le due inseguitrici della capolista Inter. 4-2 il risultato finale, con la doppietta di Amauri, di capitan Del Piero su rigore e di Giorgio Chiellini. Ai rossoneri non bastano le reti di Pato e Ambrosini. Milan in dieci uomini dal 66esimo per l’espulsione di Zambrotta. Nel Milan disastrosa prova difensiva che vanifica il discreto secondo tempo. I bianconeri di Ranieri possono ora lanciarsi alla rincorsa dei neroazzurri.

Le formazioni- Nella Juve confermata la formazione annunciata alla vigilia con Manninger in porta, Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro in difesa, Sissoko, Marchisio, Marchionni e Nedved sulla linea mediana e la coppia Del Piero-Amauri in avanti. Nel Milan, Kakà e Flamini non ce la fanno e Emerson può giocare dal primo minuto. Regolarmente in campo Seedorf e Ronaldinho. Ancelotti schiera in porta Abbiati, difesa a quattro da destra Zambrotta, Maldini e Kaladze al centro e Jankulovski a sinistra. Pirlo, Emerson e Ambrosini il trio di centrocampo, più avanzati Ronaldinho e Seedorf, in appoggio all’unica punta Pato.

La cronaca- Sotto una forte pioggia, le due squadre danno subito vita ad una partita accesa e con ritmi alti. E’ il Milan che si propone con buona personalità. Pato e Seedorf cercano di far male ai bianconeri, che però non superano l’attento Manninger. La Juve risponde con le volate sulla fascia di Marchionni e con un attivo Del Piero, che al quindicesimo si procura l’occasione per il vantaggio. Jankulovski mette giù in piena area il numero 10 bianconero e Rizzoli non può far altro che fischiare il penalty: dal dischetto Alex realizza l’1-0 per la Juve. Al 18esimo la più clamorosa delle occasioni per il pareggio: su calcio d’angolo di Seedorf, Ambrosini anticipa tutti i difensori bianconeri, ma spedisce incredibilmente a lato. Tre minuti dopo ci prova Pirlo da fuori, ma Manninger è attento. Il Milan dimostra di essere vivo e temibile, ma la Juve appare come un serpente sempre in grado di far male. Marchionni sovrasta Jankulovski e si propone come la spina nel fianco del Milan. Dall’altra fascia, Nedved denuncia problemi fisici e al 30esimo è costretto a lasciare il posto a De Ceglie. Passa solo un minuto e il Milan trova il pareggio: Kaladze serve Ronaldinho sulla sinistra, palla in mezzo per Pato, che facilmente ribatte in rete, 1-1. Ma è un primo tempo che ancora deve regalare altre emozioni. Passano tre minuti e la Juve ritorna avanti. Angolo per la Juve, batte Del Piero, Chiellini svetta più alto di tutti e firma il 2-1. Dopo i durissimi falli di Zambrotta e Emerson, puniti entrambi con il cartellino giallo, la Juve mette a segno il tris: contropiede, De Ceglie va via sulla sinistra, Amauri vola in cielo e batte Abbiati, l’Olimpico sogna. Si va al riposo sul 3-1, dopo una gara emozionante e bellissima.

Alla ripresa delle ostilità, Ancelotti decide di rafforzare il reparto avanzato inserendo Shevchenko per Emerson. La Juve non si limita a controllare il risultato, ma prova a fare ancora male al Milan. Molto attivi De Ceglie, Marchisio e Molinaro, che ci provano. Ma al 56esimo il Milan accorcia le distanze: tiro da fuori area di Ambrosini, tocco di Chiellini che mette fuori causa Manninger, 3-2. La Juve non si scompone e prova a riallontanare i rossoneri, ma al 66esimo l’episodio che piana la strada alla vittoria bianconera: fallo da dietro di Zambrotta su De Ceglie, inevitabile il secondo cartellino giallo e la conseguente espulsione. E tre minuti dopo, la Juve chiude definitivamente il conto: triangolo fra Amauri e Sissoko, il brasiliano controlla la palla e batte Abbiati sul suo palo, 4-2. Un minuto dopo, clamoroso palo di Del Piero. La partita sfila via con la Juve che cerca e sfiora più volte la quinta marcatura, ma complice l’imprecisione dei suoi non realizza. Ma a Ranieri e ai tifosi bianconeri può bastare così: un 4-2 che candida la Juve come anti-Inter e la lancia alla rincorsa degli uomini di Mourinho.

Juventus- Manninger, Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro, Marchionni, Sissoko (88′ Zanetti), Marchisio, Nedved (30′ De Ceglie), Del Piero, Amauri (88′ Iaquinta) All.:Ranieri

Milan- Abbiati, Zambrotta, Maldini, Kaladze, Jankulovski, Pirlo, Emerson (46′ Shevchenko), Ambrosini (73′ Antonini), Ronaldinho, Seedorf, Pato (76′ Inzaghi) All.:Ancelotti

Marcatori: 15′ Del Piero(rig.), 31′ Pato, 34′ Chiellini, 41′ Amauri, 56′ Ambrosini, 69′ Amauri

Arbitro: Rizzoli(Bologna)

Ammoniti: Mellberg, Sissoko(J), Emerson

Espulso: Zambrotta