18/11/2017

Crolla l’Empoli, ne approfitta solo il Bari. In fondo risale l’Ascoli

dicembre 14, 2008 di  
Inserito in Serie B

ascoli

Colpaccio dell’Ascoli contro la capolista

ROMA – Giornata no per le prime della classe della serie B e allora il Sassuolo, impegnato nel posticipo di lunedì in casa contro l’Ancona, può portarsi al comando solitario. Una giornata particolare, la diciottesima d’andata del torneo cadetto. Nella quale l’Empoli cade sul campo dell’Ascoli, il Parma perde a Pisa e il big match fra Triestina e Livorno si chiude in parità. Il tutto a vantaggio di un campionato sempre più esaltante nella lotta al vertice in cui si inserisce con carattere il Bari.
Tutte le partite della 18/a giornata di Serie B.

ALBINOLEFFE-FROSINONE 2-2
Nell’anticipo un orgoglioso Albinoleffe rimonta 2 gol al Frosinone e resta in scia della zona play-off. Gli ospiti si sono trovati avanti di due reti grazie a un rigore e a un’incertezza del portiere Coser, ma nel finale la squadra di Madonna ha trovato la reazione d’orgoglio che le ha permesso di raddrizzare la gara. I ciociari partono forte e al 45′ passano su rigore con  Dedic. Al 58’ Antonazzo raddoppia da fuori. A questo punto i seriani si riversano in attacco al 73′ accorciano con un sinistro di Ruopolo. Neanche dieci minuti e all’81’ Caremi trova il colpo di testa vincente per il 2-2 finale.

ASCOLI-EMPOLI 1-0
Si scrive Ascoli-Empoli, ma si legge  ultima contro prima. La differenza in classifica, però, sul campo non si è vista. Colomba all’esordio in bianconero trova il primo successo per i marchigiani dopo undici gare senza vittoria. Dopo un primo tempo avaro di emozioni, nella ripresa arriva il gol che sblocca il risultato e decide la gara. Belingheri, al 66′, punisce i toscani  con un gran destro a giro da fuori area che si infila sotto la traversa.

AVELLINO-SALERNITANA 1-1
Dura un tempo il derby tra Avellino e Salernitana. Due lampi nell’arco di sessanta secondi di Soligo e Koman che firmano un pareggio giusto. Un punto ciascuno che fa bene soprattutto ai granata, reduci da quattro sconfitte consecutive e, se non tira fuori l’Avellino dalla zona retrocessione, almeno consente agli irpini di muovere la classifica.

kamata

Primo gol barese per Kamata

BARI-PIACENZA 1-0
Il primo gol con la maglia del Bari di “Speedy Gonzales” Kamata regala tre punti preziosi ai pugliesi contro un Piacenza vivace che ha cercato il pari lottando fino all’ultimo dei sei minuti di recupero. Il gol che decide la sfida arriva al 61’ con un preciso sinistro sul primo palo di Kamata. Inutile l’assalto finale del Piacenza che per due volte sfiora il pari con Rantier e Moscardelli.

CITTADELLA-BRESCIA 2-0
Il Cittadella vince 2-0 e coglie la prima vittoria casalinga contro un Brescia irriconoscibile cade malamente a Cittadella interrompendo il filotto di tre successi di fila. Gara dominata dai veneti che passano al 18′ con un preciso sinistro sottomisura di Meggiorini. Le rondinelle non reagiscono e nella ripresa il il Cittadella raddoppia con Carteri che salta due uomini e batte Viviano con un preciso destro in diagonale da sinistra.

GROSSETO-RIMINI 1-3
Pessima prestazione del Grosseto che subisce la prima sconfitta interna stagionale e che, soprattutto, sembra aver smarrito lo smalto e la grinta che lo avevano portato in cima alla classifica. Il Rimini, invece, molto ben disposto in campo, si gode i tre punti meritati. Toscani in vantaggio dopo 17’ con una bella azione personale di Carparelli. Il Rimini non accusa il colpo e al 39′ pareggia con un gran sinistro al volo di Vantaggiato. Nella ripresa due clamorosi svarioni difensivi nel giro di appena 2′ permettono alla squadra romagnola prima di andare in vantaggio al 49′ con Docente, poi al 51′ ancora con Vantaggiato. Al 70’ il Grosseto rimane in 10 per l’espulsione di Consonni.

MANTOVA-MODENA 2-2
Non bastano al Mantova due gol nei primi 14 minuti per aggiudicarsi il derby con il Modena. La gara termina 2-2 e premia la costanza e la determinazione dei canarini bravi nell’agguantare il pari. Alle reti di Tarana e Rizzi risponde una doppietta di Bruno (primo gol su rigore ineccepibile per un fallo di mani di Notari), che nel finale ha sui piedi la palla della tripletta personale.

PISA-PARMA 2-1
Il Parma perde la propria imbattibilità dopo quattordici partite, e per la prima volta da quando in panchina c’è Guidolin, esce dal campo senza punti. L’impresa la compie il Pisa (terzo successo di fila) che, in quattro minuti, a inizio secondo tempo, ribalta lo svantaggio maturato prima dell’intervallo per un rigore siglato da Cristiano Lucarelli. Nella ripresa prima Braiati al 57’, poi  Joelson al 60’ siglano il 2-1 finale.

TRIESTINA-LIVORNO 1-1
Diamanti illude il Livorno, Minelli lo riporta con i piedi per terra: accade tutto nei primi 25′, sull’erba di uno stadio Rocco vestito a festa per festeggiare il 90/o compleanno della Triestina. Un punto per parte, al termine di un confronto ricco di emozioni, che ha confermato le ambizioni di entrambe le squadre, con la formazione ospite comunque superiore per potenzialità tecniche e occasioni da rete. I toscani sbloccano il risultato al 7′ con un gran sinistro al volo da fuori area di Diamanti. Immediata la reazione della Triestina che pareggia al 25′ con Minelli, lesto a ribattere in rete un destro da 28 metri di Milani respinto dal palo.

VICENZA-TREVISO 1-1
Si decide nel primo tempo il derby veneto Vicenza-Treviso, con una botta e risposta nell’arco di quattro minuti, firmato da Sgrigna e Bonucci. Una sfida giocata con un campo fangoso per la pioggia al limite della praticabilità, e con il Vicenza che ha tenuto in mano il possesso del pallone per quasi tutta la gara. A condizionare la prestazione della squadra di Gregucci l’espulsione ad inizio ripresa del difensore Zanchi che ha costretto i berici a giocare quasi un tempo intero in inferiorità numerica.