23/08/2017

Milan e Juve tengono il passo. Udinese e Toro ancora ko

dicembre 8, 2008 di  
Inserito in Serie A

Milan aggrappato a Kakà
/copyright flickr.com

ROMA– Nella quindicesima giornata di Serie A Milan e Juventus superano di misura (1-0 e 2-1) rispettivamente Catania e Lecce ristabilendo la distanza di 6 punti dall’Inter in attesa del big match che le vedrà opposte domenica prossima. Il Napoli torna al successo suprerando al San Paolo il Siena con un secco 2-0. Anche il Cagliari sfrutta il fattore campo superando un Palermo incostante per 1-0, non senza polemiche. Ancora un pareggio per il Bologna al cospetto della Reggina, che stavolta cambia nella forma (2-2) ma non nella sostanza, regalando ai felsinei il quinto punto consecutivo in altrettante gare. E’ crisi per il Torino che soccombe 1-4 contro una bella Fiorentina, e a questo punto la panchina di De Biasi sembra essere davvero a rischio. Non se la passa meglio l’Udinese che colleziona la quinta sconfitta consecutiva, perdendo 3-0 a Bergamo contro una tonica Atatlanta. Nel posticipo il derby della Lanterna va al Genoa che si impone 1-0 grazie al solito Milito.

Atalanta-Udinese 3-0

Sesta vittoria casalinga stagionale per gli uomini di Del Neri, che in casa sembrano davvero un’altra squadra rispetto a quella vista lontano dalle mura amiche. Al 20′ bergamaschi in vantaggio con Valdes che va segno per la seconda gara consecutiva. Udinese mai in partita e a chiudere i conti ci pensano prima Doni su assist di Floccari e poi Vieri alla prima marcatura stagionale.

Cagliari-Palermo 1-0

Per i rossoblù si tratta della quinta vittoria consecutiva al Sant’Elia. A decidere il match è Fini che segna in posizione irregolare. Buon Palermo che si vede negare due rigori e assedia il Cagliari nel finale, colpendo anche due traverse, ma nulla da fare. I tre punti vanno ai sardi.

Lecce-Juventus 1-2

Primo tempo equilibrato e senza molte emozioni. Accade tutto nella ripresa con la splendida punizione di Giovinco che porta in vantaggio i bianconeri. Il Lecce non ci sta e al minuto 84 Cacia firma il pareggio concludendo al volo e illudendo i giallorossi. In quanto al 90′ è il solito Amauri che sbuca nell’area leccese e con uno stacco di testa da il successo ai bianconeri tenendo vive le speranze di inseguimento alla capolista Inter. La Juventus centra così la nona vittoria in campionato.

Milan-Catania 1-0

Un Catania sfortunato esce battuto da San Siro ancora su autogol dopo i 2 subiti nella gara contro l’Inter. A propiziarla è Kaka che al 65′ dagli sviluppi di un corner conclude a rete trovando la deviazione di Stovini. Il Catania recrimina per un presunto rigore per fallo di mano di Kaladze e una conclusione poco fortunata di Mascara al 14′ che supera Abbiati ma si stampa sul palo. Zenga (squalificato) dalla tribuna schiera una squadra offensiva e i rossazzurri nel finale schiacciano il Milan nella propria metà campo chiudendo in attacco, ma il risultato non cambia. Gattuso, diffidato, prende un’ ammonizione e salterà la Juve per squalifica.

Napoli-Siena 2-0

Torna al successo la formazione di Reja dopo il misero bottino di un punto raccolto nelle ultime tre gare. Anche il Siena si arrende alla legge del San Paolo. I partenopei iniziano col piglio giusto e al 15′ un tiro di Maggio deviato da Del Grosso finisce sulla traversa. Il campo rovinato dalla pioggia non favorisce lo spettacolo, ma nella rispresa il Napoli è più aggressivo e sfiora il gol con Hamsik e Zalayeta, in entrambe le occasioni però, Curci c’è. Ma l’ex romanista nulla può sulle reti di Maggio al 62′ e di Denis al 73′. Gli azzurri sono ora da soli al 4° posto restano a 3 punti dalla coppia Juventus-Milan.

Reggina-Bologna 2-2

Partita ricca di gol ed emozioni al Granillo con il Bologna deciso ad ottenere il primo successo esterno e la Reggina che cerca la terza vittoria nelle ultime quattro gare. Reggina pericolosa nel primo tempo con Brienza in un paio di occasioni; ed è proprio l’ex palermitano a servire Corradi al 40′ per la rete del vantaggio amaranto. Nella ripresa, dopo pochi minuti, Zenoni crossa per Valiani che conclude al volo e firma l’1-1. Neanche il tempo di gioire e Barreto da 35 metri con un gran tiro batte Antonioli riportando in vantaggio i calabresi. Il definitivo 2-2 è opera di Marco Di Vaio che in Emilia sembra essere ritornato il giocatore dei tempi migliori.

Torino-Fiorentina 1-4

Una Fiorentina alla prima vittoria lontana dal Franchi non ha pietà di un Torino privo di idee e identità. Dopo tre minuti Adrian Mutu porta i viola in vantaggio realizzando un calcio di punizione dal limite. La Fiorentina spinge e al 44′ Gilardino mette al sicuro il risultato sfruttando una sponda di Felipe Melo. Nella ripresa il Toro prova ad affacciarsi da parti di Frey, ma è Santana dall’altra parte che spreca una buona occasione. Non sbaglia invece Kuzmanovic che servito da Mutu batte Sereni per la terza volta. C’è ancora tempo per la rete della bandiera di Rosina su rigore e per il definitivo 1-4 firmato ancora Gilardino. I viola adesso sono quinti, mentre per i granata è crisi aperta.

Sampdoria-Genoa 0-1 (Posticipo)

Il derby della Lanterna numero 99 va al Genoa di Gasperini che grazie al suo bomber Milito supera 1-0 la Samp nel posticipo serale. L’ultima vittoria del Grifone nella stracittadina risaliva a sette anni fa in serie B, quando a decidere il risultato fu un gol di Mimmo Francioso. Primo tempo avaro di emozioni con il solo Milito cha al 5′ tenta senza fortuna un’azione personale. Al 50′ punizione di Milanetto e il Principe mette dentro il gol decisivo con un imperioso colpo di testa che si infila sotto la traversa. Cassano gioca di fino e si vede anche annullare un gol giustamente per fuorigioco. Nulla da fare. E’ la notte dei Grifoni.