21/09/2017

Liga: Barcellona devastante, vincono tutte le big

novembre 9, 2008 di  
Inserito in Liga

Super poker per Eto’o…
thundershead/copyright flickr.com

MADRID– Nella giornata consacrata ai grandi bomber, domina l’equilibrio nella Liga. Le prime sei della classe vincono e rimangono compresse in cinque punti, ma chi impressiona maggiormente è ancora la capolista Barcellona che sotterra letteralmente il Valladolid. Dopo 10 giornate i blaugrana hanno messo a segno la bellezza di 34 reti, ottenendo una media gol stratosferica di 3,4 a partita. Le rivali tengono ma sono avvisate, la formazione di Guardiola dà spettacolo e pare irresistibile.

Poker Eto’o– Dopo i cinque all’Almeria e i quattro al Malaga, il Valladolid è la terza squadra ad incassare sei gol (le altre sono Sporting e Atletico) dalla formazione di Pep Guardiola. Questo Barcellona sembra dunque irresistibile, incontenibile, sicuramente spettacolare. Eroe della serata del Camp Nou è Samuel Eto’o, autore di un fantastico poker, il primo in maglia blaugrana: era dal 2000/’01 che un giocatore catalano -nella fattispecie Kluivert contro il Tenerife- non segnava quattro gol in una partita. Il camerunense sale a quota 13 e si appropria dello scettro di capocannoniere. Gudjohnsen e Henry hanno completato la festa rendendo tennistico il punteggio. Valladolid annichilito, Barça ancora primo.

…e Higuain
biini/copyright flickr.com

Poker Higuain– Se i catalani hanno Eto’o, a Madrid coccolano un super Higuain. E’ lui l’hombre del partido in un RealMalaga dalle emozioni infinite (come spesso accade nei match dei blancos). Le merengues risorgono dunque dopo i ko di coppa del Re e Champions in un match reso complicato dall’inferiorità numerica, dalla tenacia dell’avversario e dalle lacune difensive. Sono gli ospiti, infatti, a portarsi per tre volte in vantaggio e sognare il colpaccio dopo l’inopinata espulsione di Sergio Ramos. Higuain, però, ribatte colpo su colpo con una tripletta eccezionale e firma l’incredibile quanto meritato poker (i gol in campionato diventano così 9) che regala sorpasso e tre punti alla Schuster band. I problemi rimangono, ma la vetta è lì a due punti.

Inseguitrici ok– Continua la serie magica del Villarreal. Il fantasma dell’Almeria, l’ultima squadra in grado d’affondare il Sottomarino giallo in campionato 16 turni orsono, è esorcizzato grazie ad una partenza fulminante. L’uno-due di Rossi e Llorente è micidiale, la reazione degli ospiti è veemente e produce il gol di Piatti, ma al Madrigal non è tempo per ulteriori incubi: secondo posto confermato.
Tornano a sorridere Valencia e Siviglia. La squadra di Emery vince con facilità sul campo del Getafe con un netto 3-0 firmato Fernandes, Joaquin e Vicente. Più sofferto il successo degli andalusi contro il Recreativo. Fa tutto Kanoutè che sigla il gol vittoria ma regala qualche brivido di troppo al Pizjuan fallendo il penalty del potenziale raddoppio. Ma dopo 4 ko di fila, anche la sofferenza -se produttiva- è ben accetta.

Le altre– Delude ancora l’Atletico bloccato in casa dell’asfittico Osasuna, unico team a secco di vittorie. Bene il Deportivo che batte l’Espanyol con un gol di Guardado confermando il buon stato di forma (3° vittoria di fila tra campionato e coppa) e assestandosi al 7° posto. Boccate d’ossigeno per Racing, che stoppa la corsa dello Sporting dopo 4 turni, e Betis, che a cavallo del 44′ espugna Numancia e si allontana dalla zona calda. Chiude il pari show tra Maiorca e Athletic che soddisfa di più gli ospiti autori di una super rimonta (da 1-3 a 3-3) nei minuti finali.