17/12/2017

Bundesliga: Hoffenheim in vetta, si rilancia il Bayern

ottobre 28, 2008 di  
Inserito in Bundesliga

Doppio Obasi, l’Hoffenheim non si ferma più
ccfc2005/copyright flickr.com

BERLINO-Non ci sono più parole per descrivere l’Hoffenheim. Sulla squadra di Rangnick ci eravamo soffermati appena una settimana fa dopo il sonoro successo di Hannover, ma battere il 3-0 con cui è stato spazzato via l’Amburgo resterà negli annali: per la prima volta, infatti, è primato in solitaria. Merito del solito Ibisevic e di Obasi (doppietta per lui); i sogni del presidente Hopp sono ormai una solida realtà. Durerà? Possibile. Intanto occhio al leone risvegliato. La Champions ha portato bene al Bayern Monaco: dopo la secca vittoria sulla Fiorentina gli uomini di Klinsmann rischiano l’ennesima figuraccia in casa contro il Wolfsburg. Sotto due gol (Grafite e Dzeko) i bavaresi hanno reagito alla grande grazie a Ribery, Van Bommel, Schweinsteiger e Borowski, gente che il resto del carrozzone si sogna. La vetta è a 4 punti, e l’Hoffenheim non può spaventare.

Il solito sali e scendi- Già, nella classifica cortissima della Bundesliga oggi si sogna, domani si rosica. Lo sa l’Amburgo, ma lo sanno bene anche a Leverkusen e Stoccarda, le facce felici di questa giornata. I 2-0 rispettivamente al Colonia (marcatori Friedrich e Gekas) e al Bochum (doppietta di Gomez) portano le aspirine al secondo posto e gli svevi al quarto. Per lo Schalke invece lo 0-0 dell’Arena contro l’Arminia signica quinto pareggio stagionale. Anche quest’anno a Gelsenkirchen qualcosa va storto… Buon pari invece per l’Hertha a Dortmund. Pessimo pareggio, infine, per il Werder Brema ad Hannover: il decimo posto in classifica è davvero irriverente per gli uomini di Schaaf, eppure i punti da recuperare all’Hoffenheim sono solo 6. Come dire: tutto ancora da giocare.

In coda- Bel balzo dell’Eintracht: battuto nel recupero di mercoledì il Karlsrhue, si replica a Cottbus: 3-2 in rimonta (Fink, Fenin e Liberopoulos rispondono alla doppietta iniziale di Rangelov). Sul Meno si inizia a respirare. Come a Mönchengladbach: la vittoria di sabato contro il Karlsrhue per 1-0 permette agli uomini di Ziege di abbandonare il fondo della classifica.