24/09/2017

Brasileirão imprevedibile: nel derby-day si riaccende la lotta scudetto

celso avila/copyright flickr.com

Portoguesa batte a sorpresa la capolista
celso avila/copyright flickr.com

BRASILIA– Il Brasileirão 2008 non finisce mai di stupire. La giornata dei derby, dei “clasicos”, pareva essere favorevole ad un Gremio che, riacquisita negli ultimi 2 turni l’antica sicurezza, poteva battere un Portoguesa in difficoltà e lanciare la fuga definitiva a 8 giornate dal termine. E invece no, il Canindè di San Paolo si rivela trappola fatale alla capolista che si vede piombare addosso ben 4 rivali, tutte accreditatissime. 5 formazioni in un fazzoletto ristretto di 4 punti: da qui a dicembre è ancora tutto possibile.

Portoguesa-Gremio 2-0. Il ko del Canindè era tutto fuorchè preventivabile. Il Portoguesa era reduce da 4 turni senza vittorie e viaggia tuttora in zona retrocessione. La partita si è giocata molto sul profilo agonistico e poco su quello tecnico, favorendo sicuramente i padroni di casa abili, per altro, a sfruttare le poche occasioni da rete. Il peccato del Gremio è stato quello di creare poco o niente, nonostante lo slancio offensivo, dopo il vantaggio del Lusa firmato Edigle. E nel finale è arrivato addirittura il raddoppio di Edno in contropiede. Ora Cruzeiro e Palmeiras sono a -1,  San Paolo a -3, Flamengo a -4: ulteriori passi falsi non sono ammessi.

phjunkies/copyright flickr.com

Leandro firma il rocambolesco 2-2 nel derby
phjunkies/copyright flickr.com

Palmeiras-San Paolo 2-2. Botte da orbi, cartellini rossi, un autogol decisivo e spettacolo. Come da tradizione, il ‘clasico’ di San Paolo non si è fatto mancare nulla. I tifosi Tricolor hanno a lungo assaporato vittoria e sorpasso, una sorta d’impresa visto il ruolino quasi immacolato del Verdao al Palestra (un solo ko) e l’andamento di tutto il torneo che ha visto i cugini davanti. Il San Paolo si è portato avanti di 2 reti (rigore di Rogerio Ceni e Dagoberto) in una prima frazione nervosissima, costellata da cartellini gialli (6 a fine gara) e rossi (uno a testa). Nella ripresa il trend non è cambiato, ma il direttore di gara ha deciso di non decimare ulteriormente le due formazioni. L’assalto dell’undici di Luxemburgo, sospinto dalla carica del Palestra, pareva stregato. Al 33′ la svolta: in 120 secondi Kleber ha ridotto le distanze e una deviazione fortuita sulla punizione di Leandro ha rimesso l’incontro in parità. Un pari e patta che fa felice più che altro il Palmeiras, ora ad una sola lunghezza dalla vetta.

Atletico Mineiro-Cruzeiro 0-2. 3 vittorie senza subire gol. Ecco come il Cruzeiro è tornato prepotentemente in lotta per il titolo. Jonathan e bomber Guilherme guidano il blitz al Mineirao, regalando alla Raposa il 4° (su 5) derby dell’anno. L’Atletico Mineiro ha cercato di opporsi, ma i cugini si sono dimostrati ancora una volta più forti. La classifica, d’altronde, non mente…E tra due giornate il Gremio farà visita a Belo Horizonte in uno scontro che potrebbe decidere una bella fetta di stagione.

Vasco-Flamengo 0-1. C’è chi torna a sperare e chi ormai è in una situazione disperata. E’ il riassunto degli stati d’animo di Flamengo e Vasco da Gama protagonisti dell’altro derby di giornata, il clasico di Rio de Janeiro. I rubronegros fanno loro l’intera posta in palio, sebbene non meritandola, e tornano a sognare -anche se sarà dura- lo scudetto. Ben altri pensieri in casa vascaina, dove la vittoria manca da ben 10 turni, dal lontanissimo 21 agosto. Un’infinità: nel frattempo la squadra è scivolata all’ultissimo posto, a 4 punti dalla zona salvezza. Il tecnico Renato Gaucho è chiamato al miracolo per risollevare una stagione che pare compromessa.

Le altre– Domina il segno X che lascia invariate gerarchie e speranze. Le uniche vittorie sono quelle dell’Internacional sull’Atletico PR e soprattutto del Santos all’Engenhão di Rio de Janeiro. Un gol di Molina stende infatti il Botafogo e mette una grossa ipoteca sulla salvezza del Peixe.

-clicca qui per vedere risultati Brasileirão e classifica Brasileirão