23/08/2017

Irresistibile Inter. All’Olimpico Roma travolta 0-4

ottobre 19, 2008 di  
Inserito in Inter, Roma, Serie A

ankor2/copyright flickr.com

Ibra e Inter irresistibili all’Olimpico
ankor2/copyright flickr.com

ROMA – Esattamente come un anno fa, quando l’Inter si impose 4-1 in casa dei giallorossi. Da allora gli uomini di Spalletti non avevano mai perso all’Olimpico. Fino ad oggi, ovviamente. Ancora contro l’Inter, solo che questa volta la vittoria è più netta: uno 0-4 che non ammette repliche e porta la Mourinho-band al comando solitario della classifica di serie A.

La vittoria non è mai stata messa in discussione. Zanetti e compagni hanno letteralmente dominato una gara che sulla carta sarebbe dovuta essere leggermente più difficile. Leggermente, perché questa Roma non è più la stessa squadra che lo scorso anno rischiò di vincere lo scudetto dopo una rimonta record. D’altro canto questa Inter è nettamente più solida e compatta della squadra vista un anno fa e finora l’unico stop è quello di San Siro nel derby contro il Milan.

Spalletti, nel consueto modulo, ritrova Totti, boa offensiva per gli inserimenti dalla trequarti. Dietro Juan e Loria i centrali. Mourinho, invece, gioca una carta Obinna insieme a Quaresma nel tridente che presenta Ibrahimovic come punto di riferimento. Cambiasso e Muntari davanti alla difesa.

RUGGITO IBRA – All’Inter bastano 5′ per passare in vantaggio. Lungo lancio di Cordoba per Ibra che scatta sulla linea della difesa. Lo svedese si invola solitario al limite dell’area di destra e con un pallonetto infila Doni in uscita. I nerazzurri potrebbero chiudere subito la gara se Maicon non fallisse il più facile dei gol spedendo la palla alta a pochi metri da Doni. La Roma risponde con un destro di De Rossi di poco fuori alla sinistra di Julio Cesar. I nerazzurri insistono, la Roma è in affanno e la difesa è costretta a fare gli straordinari.

CROLLO ROMA – Nella ripresa pronti via e subito il raddoppio. Ancora Ibrahimovic che, servito da Muntari, entra in area e con un diagonale batte Doni per la seconda volta. Un minuto dopo Cicinho impegna Julio Cesar ma in campo c’è solo una squadra: quella ospite. Al 9′ Stankovic lascia partite un destro imparabile per Doni. Passano 120” e Obinna dal limite infila il portiere giallorosso per la quarta volta. La Roma accusa il colpo ma prova a mettere a segno almeno il gol della bandiera. Ci prova prima Totti ma Julio Cesar manda in angolo, poi è il turno di Riise su punizione ma anche in questo caso il numero uno brasiliano manda in angolo. E’ l’ultima vera emozione di una gara a senso unico.