22/10/2017

Portogallo, è crisi nera. Spagna, Olanda e Inghilterra a punteggio pieno

ottobre 16, 2008 di  
Inserito in Mondiali 2010

patrick liu/copyright flickr.com

Super Rooney a Minsk
patrick liu/copyright flickr.com

Oltre alla vittoria degli azzurri sul Montenegro, il mercoledì calcistico europeo ha visto scendere in campo altre 42 squadre per la qualificazione ai Mondiali sudafricani. La notizia che fa più scalpore è la crisi irreversibile del Portogallo, fermato in casa dall’Albania dopo i ko con Svezia e Danimarca. Volano le altre big: Inghilterra, Olanda e Spagna corsare autoritarie a punteggio pieno, Germania meno brillante ma comunque vincente. Ma vediamo nel dettaglio, girone per girone, quello che è successo.

Gruppo 1. Portogallo cercasi. La dipartita di Scolari e l’arrivo di Queiroz sembrano aver clamorosamente inaridito una formazione così talentuosa. I vari Ronaldo, Quaresma e Nuno Gomes sciupano l’inverosimile nella notte di Braga, con l’Albania è solo 0-0. Dopo il ko con la Danimarca e il pari con la Svezia, la strada verso il Mondiale è decisamente in salita. Nell’altro incontro di giornata, l’Ungheria espugna Malta con gol di Torghelle e sale al 2° posto.

Gruppo 2. Bel colpo della Svizzera ad Atene. Gli uomini di Hitzfield riscattano il deludente pari col Lussemburgo sconfiggendo i greci sin lì imbattuti. A segno Frei e N’Kufo, in mezzo il momentaneo 1-1 di Charisteas. Finiscono in parità, invece, gli altri due incontri. Il Lussemburgo infila un altro risultato positivo bloccando sullo 0-0 la Moldavia, il lituano Kolesnicenko acciuffa nel finale Israele, passata in vantaggio col solito Benayoun. E’ equilibrio in vetta con israeliani, svizzeri e greci raccolti in 2 punti.

Gruppo 3. La Slovacchia vola a sorpresa in testa al girone superando la Polonia grazie alla doppietta di Sestak. I polacchi si erano illusi col vantaggio di Smolarek, ma si vedono raggiunti e superati sia nell’incontro di Bratislava che in classifica. Tornano in vita i cugini cechi che raccolgono contro la Slovenia il primo successo in queste qualificazioni: decisivo Sionko. Tutto facile, invece, per l’Irlanda del Nord contro San Marino; un poker che non ammette repliche.

Gruppo 4. Mamma mia che fatica. La Germania deve attendere il 72′ per piegare la resistenza di un volitivo Galles. I teutonici, dunque, non brillano ancora una volta, ma il gol di Trochowski vale oro, ossia la primia mini fuga nel raggruppamento. Bene gli inseguitori russi che riscattano l’ultimo ko. La Finlandia è battuta con due autoreti e il sigillo finale del genietto Arshavin.

davidvilla2008/copyright flickr.com

Villa trascina un’incontenibile Spagna
davidvilla2008/copyright flickr.com

Gruppo 5. Incontenibile. E’ la Spagna di Del Bosque giunta al 27° risultato utile consecutivo. La vittoria all’Europeo ha cambiato molto nella mentalità iberica, ieri a Bruxelles se n’è avuta la conferma. Sotto per effetto della rete di Sonck, gli iberici hanno ribaltato il punteggio con Iniesta e il solito Villa. 4 partite e 12 punti, un ruolino impeccabile: la formazione di Del Bosque, per altro, approfitta del mezzo passo falso della Turchia in Estonia per andare in fuga. Nell’altro incontro, netta affermazione della Bosnia sull’Armenia. Hombre del partido l’atalantino Muslimovic, autore di una doppietta.

Gruppo 6. Vola l’Inghilterra, anch’essa a punteggio pieno. Gli uomini di Capello, trascinati da un super Rooney (assist e doppietta), espugnano con autorità Minsk. Oltremanica saranno certamente soddisfatti della concretezza instillata dal tecnico friulano alla loro nazionale. Prosegue la corsa alla 2° piazza la Croazia che si sbarazza senza problemi di Andorra: a segno Rakitic (doppietta), Olic e Modric.

Gruppo 7. Con la Francia a riposo, Serbia e Lituania proseguono la loro corsa a braccetto in testa. Danilevicius -sempre lui- castiga le Far Oer, ai serbi bastano 24 minuti per sbancare Vienna:Krasic, Jovanovic e Obradovic i marcatori.

Gruppo 8. L’anti Italia è l’Irlanda del Trap. A Croke Park Keane scaccia subito il fantasma Cipro – nelle qualificazioni a Euro 2008 gli irlandesi subirono una scoppola clamorosa a Nicosia- e lancia i suoi all’inseguimento degli azzurri. L’altra possibile rivale, la Bulgaria, continua infatti a deludere. Con la Georgia rimane ancora a secco, lo 0-0 è inevitabile.

Gruppo 9. La terza squadra a punteggio pieno è l’Olanda. Gli oranje passano anche a Oslo ipotecando il passaggio del girone, visto il vantaggio accumulato (+5) sulla seconda. Decisivo un bolide di Van Bommel. Poco influente, invece, l’identico 1-0 con cui l’Islanda batte la Macedonia.