20/08/2017

Balotelli e Abate trascinano l’Under all’Europeo

ottobre 15, 2008 di  
Inserito in Calcio giovanile, Italia

autobed/copyright flickr.com

Balotelli trascina l’Under a Euro 2009
autobed/copyright flickr.com

TEL AVIV (Israele) – L’Italia Under 21 batte Israele 1-3 e si qualifica agli Europei del 2009 in programma in Svezia. Esattamente come due anni fa quando gli azzurrini di Gentile andarono in Spagna a giocarsi la qualificazione dopo lo 0-0 dell’andata. Era il 10 ottobre del 2006 e due gran gol di Chiellini e Montolivo ci regalarono gli Europei in Olanda.

Oggi Chiellini e Montolivo non ci sono più, sono nell’Italia di Lippi che ha battuto il Montenegro e si conferma in testa al gruppo 8 nelle qualificazioni mondiali. Al loro posto ci sono ragazzi come Balotelli e Abate, il primo autore di una splendida doppietta, il secondo interprete di una gara straordinaria sul piano tecnico-tattico conclusa in bellezza con il gol finale.

E’ decisamente un’Italia a trazione anteriore quella che si vede a Tel Aviv e lo si capisce quando dopo neanche due minuti Cigarini impegna il numero uno israeliano che devia in angolo. Passano 120” e Balotelli si inventa una punizione magistrale dai 35 metri che si insacca nel sette alla destra di un incolpevole Levita. La pressione azzurra è asfissiante. I padroni di casa escono difficilmente dalla propria metà campo e Abate sulla destra semina il panico nella difesa israeliana. Proprio da un cross del centrocampista granata arriva il raddoppio del solito Balotelli che dal limite scaglia in porta un tiro violentissimo che Levita vede partire in ritardo.

Sul 2-0 gli uomini di Casiraghi cedono il campo agli avversari controllando senza tanti affanni gli attacchi dei padroni di casa fino al duplice fischio del direttore di gara.
Nella ripresa Moti corre ai ripari inserendo Avidor e Ben Chaim (che lascerà il campo pochi minuti prima della fine per infortunio) al posto di due opachi Abihazira e Rafaelov. L’ingresso dei nuovi sembra non impensierire la squadra azzurra che prima colpisce il palo con Lanzafame, poi va vicina al gol con un tiro dal limite di Morosini che sfiora la traversa. Al 9′, però, Criscito stende in area l’indiavolato Avidor e per l’arbitro è calcio di rigore (ineccepibile). Sul dischetto si presenta Toto Tamuz che dopo essersi fatto parare il penalty da Consigli, ribatte in rete il pallone del 1-2.
A questo punto Israele, spinto dal pubblica di casa, tenta un timido e confuso assalto che si risolve tragicamente visto il contropiede di Abate che porta l’Italia sul 3-1 finale.

Sedici anni dopo la finale del 3 giugno 1992 che proclamò gli azzurrini di Cesare Maldini per la prima volta Campione d’Europa Under 21, l’Italia torna in Svezia con la speranza di ripetere quell’impresa. Da qui al 15 giugno, giorno in cui si aprirà ufficialmente l’Europeo 2009, Casiraghi avrà molto tempo per pensare a come impostare questa squadre che concede ancora qualcosa in fase difensiva agli avversari.

ISRAELE-ITALIA 1-3 (0-2)
MARCATORI: Balotelli (It) al 4’ e 25’ p.t., Tamuz (Is) al 10’, Abate (It) al 29’ s.t.
ISRAELE (4-2-3-1): Levita; Kende, Gan, Roash, Tchekol; Cohen, Yeini (Natcho dal 13’ s.t.); Assulin, Refaelov (Ben Haim dal 1’ s.t.), Abuhatzeira (Avidor dal 1’ s.t.); Tamuz. (Nitzan, Kozokin, Maymon, Peretz.). All: Moti.
ITALIA (4-3-2-1): Consigli; Motta, Marzoratti, Criscito, De Ceglie; Morosini, Cigarini, Candreva (Bolzoni dal 15’ s.t.); Abate, Lanzafame (Pisano dal 44’ s.t.); Balotelli (Osvaldo dal 21’ s.t.). (Sirigu, Bocchetti, Di Gennaro, Acquafresca). All: Casiraghi.
NOTE: spettatori 15.500. Ammoniti Cohen, Avidor e Balotelli per gioco falloso, Ben Haim per simulazione, Abate per c.n.r., Cigarini per proteste. Angoli: 4-3. Recuperi: 1’ e 3’.
ARBITRO: Chapron (Francia)