28/04/2017

Bundesliga: solito Werder, solito Bayern, l’Amburgo saluta

ottobre 7, 2008 di  
Inserito in Bundesliga

kpuccie/copyright flickr.com

Olic,protagonista del primato dell’Amburgo
kpuccie/copyright flickr.com

BERLINO- La settima giornata di Bundesliga inizia a regalare certezze: se la crisi del Bayern continua, la disfatta del Werder a Stoccarda è una sorpresa fino a un certo punto. Intanto l’Amburgo, che in estate si è privato della stella Van der Vaart si scopre squadra tosta e fa la lepre, ben sapendo di avere le qualità per arrivare in fondo. Si può parlare ancora di sorpresa per l’Hoffenheim? Aspettiamo ancora un mesetto prima di pronunciarsi, ma le premesse dicono che nessun traguardo appare fuori portata. Semmai lo Schalke e il Bayer Leverkusen dovrebbero riflettere sulle rispettive ambizioni, mentre la cura Magath non ha dato, finora, il salto di qualità al Wolfsburg. Ma approfondiamo.

Bayern in crisi- Sembrava l’occasione buona per risalire, un sabato tranquillo, invece il Bayern continua a zoppicare: la difesa fa acqua da tutte le parti, le stelle in attacco hanno le polveri bagnate. Risultato: la squadra di Klinsmann rimedia la settimanale figuraccia pareggiando all’Allianz Arena con il Bochum, dopo essere stato sopra per 3-1. Merito di Van Buyten del buon vecchio Ze Roberto (doppietta per lui). Eppure non basta. All’83’ Dabrowski e Grote due minuti più tardi regalano un punto ai renani e la solita delusione ai bavaresi. In riva all’Isaar c’è ancora tanto da lavorare, Hoeness e Beckembauer avranno la pazienza di aspettare?

thomas kienzle/ap/copyright flickr.com

Khedira apre la goleada dello Stoccarda
thomas kienzle/ap/copyright flickr.com

Alta classifica– Il match clou era però a Stoccarda, dove il Werder era chiamato a confermare le buone prestazioni di settembre in campionato e il pareggio (strettino) di Milano in Champions per dare un segnale forte alle rivali. Invece, ancora una volta, la difesa tradisce gli uomini di Schaaf: se l’attacco non tiene botta (e non si possono sempre segnare 5 gol…) allora si rimediano le figuracce. Il 4-1 degli svevi è limpido, come il secondo posto in coabitazione con l’Hoffenheim. La Cenerentola di ferro si impone 2-1 contro il fanalino Eintracht, altra grande malata del calcio tedesco. A secco il bomber Ibisevic, ci ha pensato Ba, con una doppietta, a portare a casa i 3 punti. In testa resta però l’Amburgo. Gli anseatici vincono 2-1 al 90′ a Cottbus grazie a Petric e Olic, croati d’assalto, e approfittano dei passi falsi delle rivali ufficiali per tentare la fuga. Oltre a Bayern e Werder, infatti, stecca anche lo Schalke 04, sotto fino al 90′ con il Wolfsburg di Magath. Ci pensa uno sbloccato Kuranyi a tempo scaduto a evitare il peggio: 2-2 alla fine e sentenze rimandate. A chiudere la giornataccia delle grandi è il Bayer Leverkusen, battuto 1-0 dall’Hertha, gol di Voronin, anche in questo caso a fil di sirena.

Le altre- A Dortmund l’eliminazione dall’UEFA non è andata proprio giù. Dopo il quasi miracolo del Friuli, il Borussia stecca in casa con l’Hannover (non certo una corazzata lontano dalle mura amiche). L’1-1 (Valdez e Forssell) non allontana però i gialloneri dall’alta classifica. Belle e importanti le vittorie esterne del Colonia contro l’altro Borussia (che resta ultimo con l’Eintracht) e del Karlsrhue a Bielefeld. Identico il punteggio, 2-1, e le previsioni per il proseguimento del campionato: tendente al sereno.