24/11/2017

Una Roma bella a metà espugna Bordeaux

ottobre 2, 2008 di  
Inserito in Champions League, Roma

as.com copyright flickr.com

Baptista guida la riscossa giallorossa
as.com/copyright flickr.com

Bordeaux–  Si può sbagliare una volta, ma alla seconda qualcosa deve cambiare. La Roma rischia di capitolare anche a Bordeaux, dopo l’inattesa sconfitta contro il Cluji nella gara inaugurale. Ci pensano Vucinic e Baptista a rimettere ordine e a dare alla Roma un motivo per continuare a credere in questa Champions.

4-1-4-1 Spalletti decide che la regia deve essere tutta di De Rossi e manda in campo il giovane Menez, mentre in difesa ritorna Mexes. I francesi rispondono con lo stesso modulo, e qui le redini in mano sono quasi tutte di Gourcuff, in prestito dal Milan. Primo tempo quasi nullo da parte dei giallorossi che non riescono a trovare una logica di gioco: Vucinic lì davanti è praticamente isolato dal resto del mondo. Al contrario il Bordeaux crea e spinge, e sarà il suo uomo migliore a segnare il vantaggio: gran destro dalla distanza per Gourcuff, Doni non ci può arrivare. Ci si aspetta una reazione, ma niente, la Roma non c’è. Neanche quando la squadra di casa rimane in 10 per l’espulsione del centrale Henrique causa gomitata a gioco fermo su Perrotta. E siamo al 36′.

La riscossa–  Arriva al 19′ della ripresa: Vucinic salta su un cross da corner e insacca di testa alle spalle di Valverde. Intanto Spalletti aveva tolto Menez- non in serata positiva- per far posto a Baptista. Sarà la mossa della serata. Il brasiliano si inventa al 26′ le rete del vantaggio: gran punizione, è 1-2. Ed ora la Roma decide che si può far male sul serio, lo sblocco è evidente. Crea molto e chiude i giochi al 38′ sempre con Baptista, che raccoglie in area un tiro di Taddei. Pericolo scampato.