20/11/2017

Quarta giornata: l’Inter sale in vetta

settembre 25, 2008 di  
Inserito in Serie A

G.Cacace/AFP/Getty Images

Il solito Cruz manda in fuga l’Inter
G.Cacace-AFP-Getty Images/copyright flickr.com

ROMA– Nel primo turno infrasettimanale della stagione l’Inter si accomoda sola in vetta alla classifica, in virtù anche del pareggio della Juventus. La Fiorentina stramazza all’Olimpico, il Milan batte la Reggina non brillando, mentre la Roma capitola a Genoa e contesta l’arbitro.

Inter-Lecce   1-0–  Beretta decide di non giocarsi la partita, disponendo gli 11 uomini in una sorta di muro di cemento: il catenaccio funziona bene, l’Inter- votata all’attacco- ha pochi spazi e si vede costretta a dare vita a passaggi in orizzontale. Unico brivido è la traversa di Ibrahimovic su punizione. Ma è tornato l’uomo della provvidenza: a 10′ dalla fine Cruz sblocca il risultato su cross dello svedese. E’ primato in classifica.

Reggina-Milan   1-2–  Su un campo in stato pessimo, il Milan conquista 3 punti d’oro contro una Reggina caparbia. E’ la serata del primo gol di Borriello in campionato, stacco di testa poderoso su punizione di Seedorf. Siamo al 24′ del primo tempo. Ma poi si infortuna, si pensa niente di grave. Classico calo di concentrazione dei rossoneri e Corradi fa 1-1. Il Milan si dà la carica e attacca a più non posso. Sarà Kakà– stasera in ombra- a dare il là per il vantaggio: assist perfetto dalla destra per Pato che azzecca l’angolino. 3 punti d’oro.

Juventus-Catania   1-1–  La Juve bastona gli uomini di Zenga, ma solo negli ultimi 10′: una caterva di azioni da gol, due traverse- Amauri e Del Piero– ma non è serata. Gioca meglio il Catania nel primo tempo, ma sono i bianconeri a passare con il solito Amauri. La ripresa è uguale, la Juve è davvero inconsistente e ci si mette anche uno dei rari errori di Chiellini: salta a vuoto su Plasmati ed è gol.

jorge san martin/copyright flickr.com

Dopo il Milan,il Principe affonda anche la Roma
Jorge San Martin/copyright flickr.com

Genoa-Roma   3-1–  Risultato molto largo, e agli uomini di Spalletti non viene convalidato un gol regolare di Panucci per un fuorigioco inesistente. Sculli apre le marcature, poi sarà De Rossi– espulso al 24′ della ripresa- a pareggiare. Ma l’uomo partita è Milito: doppietta per lui, al 16′ e al 43′.

Lazio-Fiorentina   3-0–  Si prospettava come la partita della giornata e le attese non sono state smentite. Mauri, Pandev e Siviglia firmano questa vittoria meritata e anche un pò stretta. La Fiorentina non c’è, sia in attacco che in difesa.

Bologna-Udinese   0-3–  Ancora una sconfitta per i bolognesi, in 10′ dal 13′. L’Udinese va in gol con D’Agostino, Floro Flores e Pepe, e si permette il lusso di lasciare fuori Quagliarella e Di Natale. I rossoblu anche sfortunati per un palo colpito da Marchini.

Napoli-Palermo   2-1–  Hamsik e Zalayeta danno questa vittoria ad un Napoli sofferente contro un buon Palermo, soprattutto nella ripresa. A 10′ dalla fine Miccoli si procura un rigore che non sbaglia. Ma l’assedio dei rosanero è troppo tardivo.

Atalanta-Cagliari   1-0–  Gara priva di emozioni a Bergamo. Squadre troppo contratte e poco propense a scoprirsi. Sarebbero stati un pò tutti contenti del pareggio, ma Floccari non è dello stesso parere e in contropiede firma la rete dei 3 punti.

Chievo-Torino   1-1–  Il Chievo doveva osare di più, ma decide che va bene così. Partita soft, senza troppi patemi e sbloccata da un rigore realizzato da Bianchi. I veronesi non ci stanno e pareggiano subito con Marcolini.

Siena-Sampdoria   0-0–  E’ la noia a farla da padrone tra due squadre che si studiano anche troppo a vicenda. Sarà solo Cassano a tentare di dare una scossa, ben supportato dai compagni di reparto. Ma è solo un fuoco di paglia, troppi gli sprechi sotto porta.

-clicca qui per vedere risultati serie A e classifica serie A