18/12/2017

Chelsea-Man Utd, solito pari. Arsenal in testa

settembre 22, 2008 di  
Inserito in Calcio Estero, Premier League

joe gazman/copyright flickr.com

Kalou acciuffa lo United
Joe Gazman/copyright flickr.com

LONDRA– Come 123 giorni fa. Il remake della finale Champions, nonchè del duello per la Premier, finisce ancora una volta in parità. Un altro 1-1 che però non ha avuto l’epilogo dei rigori e non ha un vincitore, se non morale. Quest’ultimo può essere soltanto il Chelsea, ossia la squadra che ha raggiunto il pari in rimonta e continua a veleggiare nei piani alti della classifica a dispetto di uno United lontanissimo dalla vetta (-7). Ma il 5° turno di Premier non è stato solo Blues vs Red Devils. E’ stata anche la giornata della consacrazione dell’Arsenal solitario in vetta, del deludente pari del Liverpool con il neopromosso Stoke City, della vittoria a valanga del City e dell’esordio vincente della coppia nostrana ZolaDi Michele.

United, Ronaldo cercasi– Strano il calcio. Succede che l’uomo trascinatore di un’intera stagione, l’uomo da 42 gol, il futuro pallone d’oro, non sia più lo stesso. Succede che il suo ingresso in campo coincida con il calo della squadra, che favorisca la riscossa avversaria. E allora un Manchester sin lì padrone del campo, con Scholes e Fletcher dominanti in mezzo, in vantaggio grazie al tap in di Park, consegna le chiavi del match ai Blues. Senza Deco (guaio agli adduttori nel riscaldamento) è Mikel a guidare il centrocampo Blue verso il pari, ed è il neoentrato Kalou a confezionarlo di testa. La formazione di Scolari potrebbe addirittura ribaltare la situazione nel finale, ma Anelka spreca tutto. Ma per il tecnico lusitano può bastare così: la mitica striscia positiva casalinga è salva (85 partite senza sconfitte), il Manchester tenuto a debita distanza. Ferguson, invece, deve ritrovare il miglior Ronaldo, dato che i vari Berbatov, Tevez e Rooney sembrano non essere sufficienti a risollevare una situazione difficile.

arsenal fc david price/copyright flickr.com

Ebouè lancia i Gunners in vetta
arsenal fc david price/copyright flickr.com

Arsenal in vetta– Le big pareggiano, i ragazzi terribili dell’Arsenal ne approfittano. Al Reebok Stadium il Bolton mette il muso avanti con Davies, ma è solo un’illusione iniziale. Non appena la formazione di Wenger decide d’accelerare, non c’è più partita. Adebayor e Song centrano due legni, Ebouè e Bendtner non perdonano ribaltando la situazione in un paio di minuti. I Trotters cercano il pari invano, è Denilson ad andare a segno e chiudere la contesa. E così i Gunners, seppur con Walcott e Van Persie in panchina, volano in testa alla Premier.
Anche perchè l’ex capolista Liverpool non va oltre al pari con il neopromosso Stoke City. La convivenza Torres-Keane non è delle migliori, la difesa Potter è arcigna e i Reds s’inceppano.
City travolgente– Vola il City. Sotto gli occhi del neopresidente Al Mubarak, i Citizens travolgono senza pietà il Portsmouth. Le imprevedibili giocate di Robinho (gol e assist) disorientano gli avversari e deliziano il pubblico di casa che inizia a sognare un ruolo da protagonista in Premier. Nel 6-0 ai malcapitati ospiti, vanno a segno il brasiliano ex Real, capitan Dunne, Jo, Wright-Phillips, Evans e Fernandes. La vetta è a soli 3 punti.
Bene anche l’Aston Villa, issatosi al 4° posto a due lunghezze dalla capolista. I Villans espugnano il campo del West Bromwich con le reti di Carew e Agbonlahor. Inutile il gol della bandiera di Morrison.

cambria/copyright flickr.com

Di Michele, doppietta alla prima in Premier
cambria/copyright flickr.com

Zola-Di Michele, buona la prima– Non poteva esserci esordio migliore. Zola debutta sulla panchina del West Ham con una bella vittoria sul derelitto Newcastle -alle prese con problemi societari- grazie alla prestazione super del connazionale Di Michele. L’ex bomber di Torino e Palermo, infatti, impiega 8 minuti per segnare il primo gol in Premier e 37 per la prima doppietta. Il 3-1 finale è opera di Etherington, ma il presente degli Hammers è decisamente tinto d’azzurro.
Ok anche Sunderland (doppietta di Chopra al Middlesbrough) e Blackburn, pari show (2-2) tra Hull e Everton. Continua, invece, la crisi nera del Tottenham. Gli Spurs, ancora a caccia della prima affermazione stagionale, vengono frenati anche dal Wigan. L’ultimo posto in classifica è amara realtà.

-clicca qui per vedere risultati premier e classifica premier