19/11/2017

Inter: esordio Champions come previsto

settembre 17, 2008 di  
Inserito in Champions League, Inter

getty images/copyright flickr.com

Adriano torna al gol ad Atene dopo 11 mesi
getty images/copyright flickr.com

Atene– 3 punti sudati, ma preziosi. Comincia nella maniera migliore l’avventura Champions League dell’Inter, che con due “mezzi” gol di Ibra (uomo-assist perfetto prima per Mancini e poi per il ritorno al gol di Adriano) affossa il Panathinaikos.

45′ nerazzurri– Il primo tempo è tutto interista: gioco sulle fasce e scambi al centro con Ibra a fare lavoro di disimpegno e incursione allo stesso tempo. Gli uomini di Mourinho non si perdono in giri di parole e arrivano sempre dove possono fare male, ma Galinovic chiude lo specchio prima a Quaresma (esordio europeo sottotono per lui) e poi allo svedese. Al 27′ il vantaggio: Ibra semina in velocità e in contrasto 3 avversari e su un rimpallo appoggia la palla per l’arrivo di Mancini dalla sinistra che non sbaglia. I greci- molto volenterosi ma carenti in fase offensiva- non ci stanno e cominciano a dare un senso alla partita, spingendosi pericolosamente in avanti. Al 43′ la traversa salva Julio Cesar: un tiro di Moon è deviato da Materassi. L’Inter si salva e va sotto la doccia sempre sopra di un gol.

Affanno– La ripresa è di stampo greco: ci provano in tutte le maniere, mentre Mourinho decide di cambiare, fuori Quaresma e Vieira, dentro Figo e Muntari. Ma la solfa non cambia: il Panathinaikos vuole il pareggio e comincia a produrre una grande quantità di tiri dalla distanza, ma il portiere narazzurro c’è. Pagano a caro prezzo la mancanza di una punta che sappia tagliare gli spazi, ben chiusi soprattutto da Cordoba, il migliore della retroguardia interista. Tra Adriano (che nel pre-partita era dato titolare) e Balotelli, il tecnico portoghese sceglie il primo, e sarà una mossa azzeccata. L’Imperatore entra e dopo soli 3′ segna con un gran sinistro su un magnifico assist di Ibra. Partita archiviata, si torna a Milano soddisfatti non tanto per il gioco espresso- il lavoro di assimilazione dei nuovi schemi è ancora lungo- ma per un risultato favorevole in virtù anche del clamoroso pareggio del Werder Brema contro l’Anorthosis.

-clicca qui per vedere risultati champions league