20/08/2017

Doppio Gila a Lione, poi è pari beffa

settembre 17, 2008 di  
Inserito in Champions League, Fiorentina

Lione– Guardi il risultato e pensi: la Fiorentina può ritenersi soddisfatta dell’esordio in Champions, un ottimo pari imposto al Lione, sette volte campione di Francia, ormai avvezza a questi palcoscenici e temibilissima soprattutto sul prato di casa. Poi guardi la partita e storci il naso. Un pò per il doppio vantaggio maturato dalle inzuccate di un Gilardino tornato ai suoi livelli, ma in particolare per la genesi dei due gol lionesi. Il primo, con Zauri a terra infortunato -alla faccia del fair play- il secondo nato da una punizione dubbia. Mescoli il tutto e l’amarezza si somma alla soddisfazione per la bella prestazione.

pallas/copyright flickr.com

Gila ‘usa la testa’ al Gerland, poi arriva la beffa
pallas/copyright flickr.com

Doppio Gila– L’avvio dei padroni di casa è bruciante. Bodmer incoccia subito la traversa in rovesciata, Fred arriva con un attimo di ritardo sul suggerimento di Benzema. Dalla cintola in su il Lione fa paura, ma il contropiede viola è ancora più micidiale. Zauri vola sulla destra e pennella per Gilardino che anticipa di testa l’uscita di Lloris. I francesi reagiscono, sempre col solito Benzema, ma la Fiorentina non è da meno. Almiron centra l’incrocio su punizione, Mutu non approfitta appieno dello svarione di Boumsong. E al 42′ arriva il raddoppio confezionato dalla premiata ditta ex Parma: il romeno crossa, l’azzurro infila ancora l’estremo di casa di testa. Gerland ammutolito, Fiorentina avanti 2-0.

Altro che fair play– Nella ripresa il copione non cambia. Francesi avanti con Benzema e Juninho, viola che si difendono con ordine e ripartono. L’episodio chiave al 28′. Govou si scontra in piena area con Zauri, che rimane contuso a terra.  Frojdfelt non ferma il gioco, come richiederebbe il regolamento, i campioni di Francia proseguono l’azione e per Piquionne, servito da Benzema, è un gioco da ragazzi riaprire il match. Ma non finisce qui. Al 41′, contatto dubbio Kroldrup-Fred, ma per Frojfeldt non ci sono dubbi, è punizione. Juninho batte a sorpresa per Benzema che batte con un bel destro il numero uno viola. Finisce 2-2, ma con un pizzico di fair play in più saremmo qui a raccontare un’altra storia.

-clicca qui per vedere risultati champions league