23/08/2017

Finisce l’esilio viola, è Champions

agosto 27, 2008 di  
Inserito in Champions League, Fiorentina

Calciocatania.com/copyright flickr.com

Prandelli riporta i viola in Champions
calciocatania.com/copyright flickr.com

Il 27 agosto 2008 rimarrà a lungo scolpito nelle menti dei tifosi viola. E’ questa la giornata in cui finisce idealmente l’incubo della Fiorentina, quel tunnel nero imbucato nell’estate del 2002. Il fallimento, la rinascita, le promozioni a raffica, la beffa di Calciopoli e il ritorno in Uefa. Fino al sofferto raggiungimento del 4° posto valido per i preliminari del maggio scorso. Stasera i viola hanno completato la loro redenzione superando l’ostacolo Slavia Praga con autorevolezza. Dopo 8 lunghi anni, è di nuovo vera Champions League.
Gli uomini di Prandelli, forti del 2-0 del Franchi, possono amministrare, attendere le sfuriate ceche e colpire. Il copione del match è questo, ma i viola sono troppo indulgenti con l’avversario, sciupando le occasioni per chiudere definitivamente la pratica. A Gilardino e Santana manca il guizzo giusto al momento del tiro, Felipe -ottima la sua prova- non castiga Vajnak, dopo che lo stesso portiere aveva deviato una sua conclusione sulla traversa, calciando addosso ad un difensore. Molta Fiorentina e poco Slavia, insomma, ma il punteggio non si sblocca.

Lo Slavia prova a cambiare marcia nella ripresa con l’inserimento di due pedine fresche, ma ci riesce solo in parte con le incursioni di Svento sulla sinistra. La Prandelli band, invece, continua a giocare a gatto col topo, dato che spreca facili occasioni in rimessa per scarsa concentrazione. L’ingresso di Donadel dà più compattezza alla mediana, quello di Jovetic più fantasia, al punto che il genietto montenegrino illumina i compagni con qualche assist al bacio. La Fiorentina, però, non ne vuole sapere di segnare. Il match si trascina sino alla fine sullo 0-0, e sull’Arno può iniziare la festa. L’Italia calcistica, dunque, avanza a ranghi completi nella massima competizione continentale. Giovedì sapremo anche se l’urna di Montecarlo sarà benevola con le nostre portabandiera.