16/08/2017

Palermo ko, Boca ok. Tigre e Colon in testa

jugador n°12/copyright flickr.com
jugador n°12
copyright flickr.com

Arrivederci Martin– Un dolorosissimo crac. Il Boca, ma tutto il campionato di Apertura, perde uno dei suoi storici protagonisti. Martin Palermo, uomo da oltre 190 gol in carriera, ha riportato la rottura dei legamenti crociati del ginocchio destro nel match contro il Lanus a seguito di uno scontro con Faccioli. Per El Loco si parla di uno stop di 6/8 mesi: un’eternità, considerando soprattutto la sua non più verde età. Ma il biondo bomber, nonostante le 34 primavere, ha promesso a sè stesso e ai tifosi che tornerà in tempo per il Clausura e la Libertadores. Nel 1999, dopo un simile infortunio, tornò più forte di prima. L’augurio è che la storia si ripeta.

Tigre e Colon in testa– La vittoria sul Lanus passa inevitabilmente in secondo piano. Vargas e Chavez hanno firmato la rimonta dei Xeneizes che, in attesa di recuperare il match col Newell’s Old Boys, rimangono a punteggio pieno. Noir, giovane della cantera boquense, sarà il sostituto naturale di Palermo. Nel frattempo, in vetta stazionano le due sorprese Tigre e Colon. La formazione di Cagna ha pareggiato sul campo del Velez facendosi agganciare dal club di Santa Fè reduce dal blitz di Rosario (rete di Tocalli). Una vittoria, quest’ultima, doppiamente storica: erano 4 anni che il Colon non vinceva sul campo del Rosario.

Male Simeone e Sensini– In crisi River ed Estudiantes. I millonarios incappano nel primo ko stagionale con il Banfield per effetto delle reti di Raymonda e Bertolo. A nulla è servito il gol di Falcao. Ciò che preoccupa in casa River è la povertà di idee in mezzo al campo: aspettando il ritorno di Buonanotte (il mini bomber che ha deciso l’ultimo Clausura), Simeone deve far i conti con una classifica deficitaria e una chiara involuzione di gioco. Peggio ancora fa Sensini. Il suo Estudiantes ha racimolato un misero punticino nelle prime tre uscite. L’ultimo 0-3 incassato dal San Lorenzo (Ledesma, migliore in campo al ritorno dopo 6 mesi di Olympiacos, Romeo e Menseguez i ‘matador’) conferma l’irriconoscibilità del Pincha.

Parità nel derby– Finisce in parità l’attesissimo derby di Avellaneda. Passa per primo l’Independiente con Montenegro (40′), poi è assalto all’arma bianca del Racing. Luguercio e Sotelo si divorano una sequela incredibile di occasioni, la porta sembra stregata. Al 91′, però, arriva il meritatissimo pari di Franco Sosa. l’Academia conquista così il primo punto del suo Apertura.

-clicca qui per vedere risultati apertura e classifica apertura