25/03/2017

Il Gremio non si ferma più

c.estrela/copyright flickr.com

c.estrela
copyright flickr.com

Gremio da record– Implacabile. Inarrestabile. Si sprecano gli aggettivi per un Gremio che, alla 5° vittoria consecutiva, non vuole fermarsi più. Il team gaucho supera il primo di due impervi ostacoli- il San Paolo– con autorità e conferma il vantaggio di 5 punti sugli inseguitori del Cruzeiro. La serie positiva della formazione di Celso Roth s’allunga a 11: riuscirà il Flamengo a stoppare questa corsa?

San Paolo, addio sogni di gloria– I numeri della compagine di Porto Alegre sono sempre più da record. L’imbattibilità di Victor dura da più di 450 minuti, l’ultimo gol incassato risale al pari con il Palmeiras della 15°giornata. Nemmeno l’attacco del San Paolo, infatti, ha scalfito la rocciosa difesa gaucha. E in avanti ci ha pensato il solito Perea, con un gol rocambolesco, a decidere la sfida. Più che rischiare il ritorno avversario, il Gremio ha avuto molte opportunità per raddoppiare, tra cui una traversa centrata da Reinaldo. La formazione di Roth, quindi, replica l’1-0 dell’andata e spegne ogni residuo sogno scudetto dei paulisti, scesi ad un irrecuperabile -11. Il girone di ritorno, insomma, incomincia com’era finito quello d’andata. Con un potenziale rivale in meno sulla propria via.

Reggono le inseguitrici– Le rivali Cruzeiro e Palmeiras non incantano ma tengono il passo. La Raposa ha colto un successo di rapina contro il Vitoria, tagliato ormai definitivamente fuori dalla lotta per il titolo. Dopo un tempo di dominio baiano, Charles ha beffato gli ospiti con una giocata sopraffina; il raddoppio del solito Guilherme (11° sigillo) nella ripresa ha chiuso i giochi punendo oltre i propri demeriti il Vitoria. Comincia bene il dopo Valdivia per il Palmeiras. Il Verdao, nonostante l’addio del fantasista -emigrato negli Emirati Arabi per ‘ingrassare il portafoglio’- e l’inferiorità numerica dal 25′ della ripresa, ha la meglio sul Coritiba. L’hombre del partido è, manco a dirlo, il vicecapocannoniere Alex Mineiro: la sua inzuccata, dopo le traverse colte dai compagni, vale 3 punti d’oro (e il 12° centro in campionato). La Luxemburgo band mantiene così l’imbattibilità casalinga fatta di 9 successi eD un solo pareggio. Se il Verdao avesse lo stesso rendimento lontano dalla ‘home sweet home’ del Palestra, diventerebbe l’antagonista numero uno della capolista.

Botafogo sempre più su– Continua l’ascesa travolgente del Botafogo. Gli alvinegros colgono il 5° successo consecutivo issandosi per la prima in questa stagione nel G-4. Nel 20° turno, il Fogao si reso infatti protagonista del blitz in quel di Recife grazie alla rete di Jorge Henrique al termine di un match molto equilibrato. A questo punto il Botafogo punta deciso ad un piazzamento valido per la qualificazione alla prossima Libertadores. Se gli alvinegros salgono, il Flamengo continua a scendere. Il pari con l’altra big in crisi, il Santos, non serve a nessuna delle due compagini. L’unico che può sorridere è Kleber Pereira che, con una doppietta, conquista il trono della classifica marcatori. Peccato per la sua squadra che il terzino col vizio del gol, Leo Moura, faccia altrettanto defraudando i locali di una vittoria meritata. La serie negativa del Peixe si allunga dunque a 4 partite. Sorridono, finalmente, Fluminense e Vasco. Il Tricolor carioca vince di misura sull’Atletico Mineiro, la compagine di Rio cala il poker sull’Internacional e abbandona la sgradevole zona retrocessione.

-clicca qui per vedere risultati brasileirao, classifica brasileirao, classifica marcatori