25/09/2017

La Juve passeggia sull’Artmedia, Champions ipotecata

agosto 13, 2008 di  
Inserito in Champions League, Juventus

calciocatania.com/copyright flickr.com

calciocatania.com
copyright flickr.com

Una prova di forza impressionante. La Juve incanta nella notte del ritorno in Europa ipotecando l’ingresso nella fase a gironi di Champions League. I bianconeri calano un poker perentorio che non lascia scampo ad un Artmedia mai in partita e divertono il pubblico presente.
Ranieri s’affida alla classica supercoppia Del Piero-Trezeguet e lancia al debutto Poulsen. In difesa, spazio al tandem collaudato Legrottaglie (preferito a Mellberg)-Chiellini. I bianconeri partono fortissimo, collezionando tre corner in un minuto. E al 7′ è già vantaggio: bella incursione di Grygera sulla destra, il suo tentativo viene stoppato ma Camoranesi batte di giustezza, col piattone destro, Kamenar. Poco dopo, però, il ceco deve abbandonare il campo per uno scontro col connazionale Urbanek: al suo posto, a sorpresa, entra Iaquinta. Juve ridisegnata in un 4-3-3 con Salihamidzic che scala a destra nel ruolo di terzino. Cambia il modulo ma non la musica. La Juve è arrembante, l’Artmedia alle corde. E, come sempre nelle grandi occasioni, s’accende la stella di Del Piero. Il capitano, all’avvio della 16°stagione in bianconero, disegna una parabola delle sue nel sette. In corsa. Un gol alla Alex, insomma, che mette il match ulteriormente in discesa. Per il numero 10 si tratta del 38° centro in Champions. Sissoko giganteggia in mezzo, Poulsen debutta bene e Camoranesi disegna calcio. L’Artmedia si rivela decisamente modesto e non impensierisce mai Buffon, alla 500° da professionista. Nel finale di tempo c’è gloria anche Chiellini, il cui stacco risulta fatale per l’uscita a vuoto dell’estremo ceco. 3-0 e qualificazione in ghiaccio. La ripresa è una formalità con gli uomini di Ranieri che sfiorano il poker con Iaquinta (palo), Trezeguet (gol annullato) e un altra perla a girare (stavolta di sinistro) di Del Piero. Quarto sigillo che arriva in chiusura, sempre su calcio da fermo: stavolta l’inzuccata vincente è di Legrottaglie. 4-0 e tutti a casa, il ritorno in Slovacchia sarà poco più di una sgambata. E, a due anni e mezzo di distanza, sancirà il sospirato ritorno in Champions.