21/09/2017

Il Livorno vuole risalire subito

agosto 9, 2008 di  
Inserito in Calciomercato news, Serie B

romagnaoggi.it/copyright flickr.com

romagnaoggi.it copyright flickr.com

Una pronta risalita. Dopo 3 anni di A, il popolo livornese si era abituato al grande palcoscenico della massima serie. Quella serie che era mancata per 60 anni è svanita di nuovo, e dolorosamente, pochi mesi fa. Ma gli amaranto, capeggiati dal vulcanico patron Spinelli, non si sono abbattuti, e ripartono carichi più che mai per riconquistare il patrimonio perso.

Il presidente, infatti, non ha perso tempo, allestendo un organico di prim’ordine che colloca di diritto il Livorno in pole position per la promozione. La società, inoltre, ha puntato su un tecnico di indubbio valore, un allenatore che tanto bene ha fatto in Romagna, sponda Rimini. Stiamo parlando di Leo Acori, l’uomo ha portato i biancorossi dalla C2 ad un passo dai play-off per la A, mettendo sempre in mostra un buon impianto di gioco. Ed ora cercherà di ripetersi Toscana, centrando l’unico (e più importante) salto di categoria che gli manca.

In sede di calcio mercato la campagna acquisti è stata scoppiettante. Il reparto d’attacco amaranto fa paura: confermato Tavano, uno dei pochi a salvarsi nell’ultima disastrosa stagione, il suo nuovo partner sarà presumibilmente Danilevicius. Il lituano, dopo le tristezze bolognesi, è in cerca del riscatto: nelle prime amichevoli l’intesa con l’ex Valencia pare buona. Alle loro spalle, un folto manipolo di giovani promettenti. Si passa dagli udinesi Candreva, nazionale under 21, e Laurito, under 17 argentino, al gioiello di casa Diamanti, il fantasista che, per intenderci, acciuffò la Roma con una punizione capolavoro. Ma non finisce qui. La lista è lunga, e comprende l’acerbo Volpe, l’oggetto misterioso Paulinho e l’inespresso Rossini. Logico che qualcuno faccia le valigie. Il brasiliano dovrebbe accasarsi ad Ancona, l’ex catanese piace a diversi club di B.

Detto dell’attacco, anche gli altri reparti non sfigurano. Anzi. A centrocampo è arrivato il romanista Rosi in prestito e il fantasioso Loviso è rientrato da Bologna. A conferma della linea verde intrapresa dalla società, sono approdati alla corte di Acori il 20enne Migliorini (pure lui proveniente dal Friuli), il difensore classe ’88 scuola Milan Perticone (in prestito alla Cremonese nel 2007-’08) e Terranova (Palermo). Altro bel colpo l’ingaggio dell’ex rossoblù Bonetto. Queste nuove pedine hanno sostituito i numerosi partenti -a partire dalla bandiera Balleri per arrivare a Vidigal– e affiancano elementi di qualità come Pulzetti e gli imprescindibili gemelli Filippini. La rosa, dunque, è stata ampiamente rinnovata e ringiovanita. Le prime amichevoli hanno dato ragione alle scelte della società, ma saranno gli impegni ufficiali a dare i verdetti definitivi. Come sempre.