25/09/2017

Barça, resa ‘condizionata’. Messi rimane a Pechino

agosto 7, 2008 di  
Inserito in Olimpiadi Pechino

Milan Time/copyright flickr.com

milan_time
copyright flickr.com

Messi parteciperà alle Olimpiadi. La lunga querelle tra Fifa, nazionale argentina e Barcellona si conclude con il lieto fine. La società blaugrana, infatti, ha acconsentito al giocatore di rimanere a Pechino, evitando dunque di avvalersi della sentenza del Tas che aveva dato ragione ai catalani. Il Tribunale di Losanna, infatti, aveva smentito la Fifa, secondo la quale è obbligo morale dei club lasciare ‘liberi’ i giocatori convocabili per l’Olimpiade (under 23). Ma proprio alla vigilia dell’esordio olimpico, Barcellona e federazione argentina hanno trovato un compromesso.
Il club catalano, infatti, considera il via libera a Messi una generosa concessione agli argentini. E, di conseguenza, ha posto delle condizioni: in primis, l’accensione di una polizza assicurativa che tuteli il club in caso d’infortunio; in secundis, una mossa in ottica futura. D’ora in poi la ‘Pulce’ disputerà in maglia celeste solo le gare ufficiali, venendo risparmiato nelle amichevoli. In questo modo, il Barça prende i due classici piccioni con una fava. Da un lato accontenta il giovane talento (desiderosissimo di affrontare l’avventura olimpica), dall’altro lo risparmia da un surplus di impegni inutili nell’arco della lunghissima stagione.

Messi, dunque, sarà regolarmente in campo oggi alle 13.45 ore italiane. L’Argentina affronta nel match d’esordio la Costa d’Avorio, il primo step ideale verso la medaglia d’oro, obiettivo dichiarato della nazionale sudamericana.