17/12/2017

Milan e Juve, che batoste!

agosto 4, 2008 di  
Inserito in Juventus, Milan

Agosto, tempo di amichevoli di lusso. Di test ed esperimenti. I verdetti del calcio d’estate, si sa, lasciano il tempo che trovano. Ma a perdere non ci sta nessuno, tanto meno a subire delle batoste. Anche perchè sarebbe sbagliato sottovalutare i campanelli d’allarme.

Amical-Foot Football/copyright flickr.com

Amical-Foot Football/copyright flickr.com

Milan, che disastro– Logico, quindi, che gli otto schiaffoni complessivi presi da Milan e Juve facciano storcere il naso a tifosi e critica. In particolare, la debacle dei rossoneri è preoccupante. Le scusanti ci sono tutte- attacco inesistente, difesa rabberciata- ma incassare tre gol in un quarto d’ora è decisamente troppo. Il designato (da Galliani) numero uno rossonero (Kalac) ha infilato una papera dietro l’altra, suscitando i risolini del pubblico e trasformando Anelka in un fenomeno. Giornata nera o limiti evidenti? Il portierone australiano, a nostro modo di vedere, non è mai stato un fenomeno. E le alternative nel ruolo sono tutt’altro di lusso. La difesa priva di Nesta, spesso alle prese con problemi fisici, va bocciata in toto, a centrocampo Flamini non si è ancora inserito, e Ambrosini non è certamente una punta. Aspettando i brasiliani- che non potranno essere la panacea di tutti i mali, s’intenda- i problemi sono troppi e di ogni genere. E in primis non è piaciuto l’atteggiamento rinunciatario. Una domanda sorge spontanea: non era meglio ritoccare i reparti storicamente lacunosi piuttosto che puntare ad un’operazione d’immagine e marketing?

Calciocatania.com/copyright flickr.com

Calciocatania.com/copyright flickr.com

Juve, serve un terzino– Meno preoccupante la situazione in casa bianconera, ma anche qui c’è da registrare un netto passo indietro. La vittoria contro l’Arsenal, infatti, aveva nascosto i problemi della banda Ranieri, emersi chiaramente contro il più modesto Amburgo. La condizione è ancora precaria, i nuovi non si sono inseriti, la qualità a centrocampo latita. E soprattutto gli infortuni di Molinaro, unico terzino sinistro, e Knezevic allarmano lo staff torinese. Serve un ritocco sull’out mancino? Probabilmente sì. Il preliminare di Champions è alle porte, ma l’avversario di turno è abbordabile. Per fortuna. La miglior Juve, nella scorsa stagione, s’iniziò a intravedere nell’amichevole contro la Roma di metà agosto: logico aspettarsi un percorso simile. Ma dopo le ‘fanfare’ della campagna acquisti, due delle nostre big farebbero bene a tenersi vigili.