25/09/2017

Il Napoli espugna il Partenone

luglio 21, 2008 di  
Inserito in Napoli

ATENE– Parte nel migliore dei modi l’avvventura europea del Napoli. Nell’andata del terzo turno d’Intertoto gli azzurri di Reja espugnano Atene con una rete di Bogliacino in un match ricco di emozioni. Un 1-0 preziosissimo in vista del ritorno che avvicina i partenopei al secondo turno preliminare di Uefa. Per il club campano si tratterebbe di un graditissimo ritorno dopo 14 anni d’assenza.

Bogliacino-gol– Reja manda in campo  Bogliacino, Vitale e Rinaudo  al posto degli indisponibili Lavezzi, Mannini e Santacroce.  I greci si schierano col solito 4-4-1-1 con Kiliaras alle spalle dell’unica punta, l’ex interista Choutos. Ed è proprio lui a dare inizio alle ostilità: dopo appena un minuto si beve Cannavaro e spara contro la traversa. La replica azzurra arriva poco dopo, ma il diagonale di Denis è fiacco. Il ritmo è basso, complice il gran caldo, ma le occasioni non mancano da una parte e dall’altra, soprattutto sui piedi dei due bomber Denis e Choutos. Al 30′ arriva il vantaggio della formazione di Reja: lancio di Blasi per Denis, gran controllo e dribbling dell’argentino che appoggia a Bogliacino un pallone che deve essere soltanto spinto in rete.  Il Napoli, sull’onda dell’entusiasmo, sfiora il raddoppio con l’ex Cesena e Maggio, ma il finale di frazione è a tinte greche. Kumortzi timbra il secondo legno di giornata, Choutos reclama un rigore in realtà inesistente.

Resistenza in 10– La ripresa è ancora più pimpante. Protagonisti sempre l’ex nerazzurro e l’argentino: il primo spara su Iezzo da pochi passi, il secondo mette fuori di testa e subito dopo costringe al miracolo Kresic. Sulla respinta arriva Hamsik, ma lo slovacco calcia clamorosamente alto. La partita nel frattempo s’innervosisce e Rinaudo paga dazio con la doppia ammonizione (75′). In inferiorità numerica il Napoli va in affanno, difendendosi e ripartendo in contropiede. L’arbitro annulla un gol a Denis, l’assalto all’arma bianca del Panionios non porta a nulla e gli uomini di Reja portano a casa un successo di platino.