21/08/2017

S’abbatte la mannaia della Covisoc: 17 società a rischio iscrizione

luglio 12, 2008 di  
Inserito in Calcio news, Lega Pro, Serie B

Ogni anno la stessa storia. Tanti, troppi i club non in regola con le normative economiche previste per l’iscrizione ai campionati professionistici. Arriva puntuale, quindi, la mannaia della Covisoc. 17 società a rischio, anche se quelle in procinto di essere cancellate sono soltanto (si fa per dire) sette.

Messina riparte dalla C2– Partiamo dalla serie B. Al momento sarebbero escluse Treviso e Messina. Ben diverse, però, le loro situazioni. I veneti dovrebbero farcela con la rateizzazione del debito, che verrà ottenuta grazie all’arrivo di un nuovo socio che si farebbe garante della fideiussione necessaria alla suddetta rateizzazione. I peloritani, invece, sono sull’orlo del fallimento. Impossibile risolvere tutte le inadempienze entro il 15. Per loro si profila un lodo Petrucci e la retrocessione automatica in Seconda Divisione.

Avellino ripescato?- Rimarrà quindi un posto vacante in B. Chi prenderà il posto del Messina? Il criterio di ripescaggio è complesso. Si tiene in conto in primis della posizione di classifica della scorsa stagione (50%), ma anche della tradizione sportiva della città (25%) e della media spettatori casalinga del 2007-’08 (25%). Allo stato attuale c’è in pole l’Avellino, seguito da Cesena, Cremonese e Foggia. Ma qui si apre un altro capitolo, perchè nemmeno gli irpini sono a posto coi conti.

Si salveranno– I lupi al momento non sarebbero nemmeno iscritti in Prima Divisione, ma dovrebbero cavarsela con una penalizzazione. Ben accetta, visto che a quel punto scatterebbe automatico il ripescaggio. Stessa situazione per Verona, Venezia, Pescara e Juve Stabia: la rateizzazione, pure in questi casi, dovrebbe essere sufficiente. In via di risoluzione situazioni leggermente più critiche come quelle di Scafatese, Massese e Nuorese. Il Potenza, invece, si trova suo malgrado nella lista nera a causa dell’esposto di un suo tesserato. La società lucana presenterà ricorso contro suddetto personaggio.

Game over per 6 squadre– La sorte di Castelnuovo e Martina è già segnata. Le due società non hanno nemmeno presentato domanda d’iscrizione, la cancellazione definitiva è ad un passo. Nuvoloni  minacciosi anche a Teramo, Sassari, La Spezia e Lucca.  I sardi non sono riusciti a contattare tutti i tesserati, Hadj ha messo da tempo in vendita (senza successo) lo storico club toscano, in Liguria si  boccheggia da tempo (ricordate la richiesta di denaro a tutta la città per il salvataggio della squadra?). Salvo scossoni imprevisti, difficile ipotizzare un salvataggio all’ultimo minuto.