23/08/2017

Promozione: Sammaurese, linea verde contro le spese folli

SAN MAURO PASCOLI– “Il mercato è pazzo, è la prima volta che vedo girare cifre del genere. Se si prosegue su questa strada, si rischia di chiudere la baracca“. E’ questo il grido d’allarme lanciato alla categoria dal presidente della Sammaurese Tonino Raggini. Il massimo dirigente giallorosso, infatti, è preoccupato dalle spese folli che altre società di Promozione stanno affrontando: “Gli stipendi vengono raddoppiati, alcuni club investono su un portiere ed una punta tanto quanto noi facciamo per l’intera rosa“. Allo sconcerto, poi, si unisce il rammarico per i tanti obiettivi sfumati: “Ci siamo avvicinati a tanti giocatori, poi è subentrata puntualmente un’altra squadra che ce li ha soffiati offrendo il doppio” le parole rassegnate del patron.

Ancora Sarpieri– Il budget della Sammaurese non è certamente faraonico, e a fronte di questa situazione l’unica soluzione è stata “ringiovanire la rosa e puntare sul settore giovanile“. I vari Teodorani, Machelli, Campedelli e Ronchi, i neo arrivati alla corte di Sarpieri, sono infatti giovani di belle speranze. Importantissimo anche il recupero di Pulazzi dopo un anno martoriato dagli infortuni. Ad ogni modo, qualche innesto d’esperienza è indispensabile, quest’anno come non mai dopo l’addio al calcio di capitan Zoppi, Benedettini e Gobbi, tre pilastri della formazione giallorosa: “Siamo alla ricerca di un difensore centrale ed un centrocampista esperto– rivela il presidente- nonostante tutto, non possiamo agire diversamente“. Ma il punto di forza sarà ancora una volta la continuità all’insegna di mister Sarpieri, prontissimo a guidare per il quinto anno consecutivo i giallorossi: “E’ un ottimo allenatore, a questi livelli è un caso più unico che raro mantenere lo stesso allenatore per un periodo di tempo così lungo” le parole soddisfatte del patron. A Sarpieri, dunque, il difficile onere di ripetere il campionato della scorsa stagione. Obiettivo ostico visto il panorama di squadre presenti: “E’ un torneo affascinante, pieno di club dalla grande storia e blasone– ammette Raggini- sarà una bella sfida, tutte si sono rinforzate con giocatori dal passato eccellente“.

Futuro ambizioso– In chiusura, uno sguardo al futuro. Un futuro che potrebbe essere ambizioso: “Entro 2/3 anni punteremo in alto– rivela il patron- se un personaggio importante dell’imprenditoria locale (di cui il presidente non vuol rivelare il nome, ma di certo non appartiene al settore calzaturiero) ci sosterrà economicamente, partirà questo progetto“. Le basi, però, sono già state poste, la valorizzazione del settore giovanile è il primo mattone: “Abbiamo inserito tecnici molto validi all’interno dello staff che cura i ragazzi. Sono dei professionisti molto qualificati, contiamo molto sul loro lavoro” chiude fiducioso il presidente.