18/12/2017

Obinna chiave per Mancini? Juve, sondaggio per Poulsen

luglio 2, 2008 di  
Inserito in Calciomercato news, Inter, Juventus, Roma

Il mercato si è aperto ufficialmente ieri, e le trattative impazzano. Tra annunci ufficiali, affari fatti in dirittura d’arrivo, le voci sono tante, tantissime. Sia quelle vere che quelle presunte. Le più consistenti girano intorno ai primi rinforzi della nuova Inter di Mourinho e al centrocampista di qualità inseguito dalla Juve, l’ultimo fondamentale tassello della sua campagna acquisti. Oggi è stata una giornata importante per tutte queste trattative. Andiamo a vedere nel dettaglio ciò che è successo.

Obinna per Mancini?Obinna chiave nell’affare Mancini. L’esterno nigeriano potrebbe tornare a Milano dopo le ultime due stagioni passate a Verona, sponda Chievo. Al club gialloblù andrebbe qualche giovane da far crescere e non Toldo, oggetto del desiderio. L’Inter userebbe come pedina di scambio l’africano per ottenere uno sconto dalla Roma per Mancini: dai 15 attuali a 10 circa, ovvero la spesa messa in conto dai nerazzurri. A Spalletti, infatti, piace molto il 21enne esterno, ritenuto perfetto per il suo gioco. Fronte Lampard. Dall’Inghilterra è rimbalzata una voce: l’affare è fatto, a fine settimana (cioè quando il centrocampista rientrerà dalle vacanze) l’annuncio. 9 milioni ai Blues e quadriennale per il giocatore i dettagli dell’operazione.

Sondaggio per Poulsen– Ecco il mister X. Il terzo nome per il centrocampo juventino, quello tenuto nascosto sinora, è stato rivelato oggi: Christian Poulsen. Sì, proprio lui, l’uomo che ricevette lo “storico” sputo da Totti a Euro 2004. Il mediano del Siviglia potrebbe scavalcare nella gerarchia di preferenze bianconere Xabi Alonso. Per un solo motivo: costa meno. 10 milioni contro 18. Il danese firmerebbe un triennale da 2,5 milioni stagionali. Sarà vero? Oppure è solo una mossa diversiva? Gira voce, infatti, che la Juve abbia alzato nelle ultime ore l’offerta per il neocampione d’Europa. Preso atto dell’impossibilità i arrivare ad Aquilani, la rosa di papabili si restringe dunque a questi due nomi.