22/10/2017

Una “Foquinha” per l’Inter?

luglio 1, 2008 di  
Inserito in Calciomercato news, Chievo, Inter

Milano– Sta per sbarcare in Italia l’ennesimo baby fenomeno del “futebol brasileiro”. “Foquinha“, al secolo Kerlon Moura Souza, potrebbe firmare questa settimana per l’Inter. I nerazzurri girerebbero in prestito il piccolo trequartista carioca in una squadra di media-bassa fascia. Il Chievo, club con il quale sono già stati intrapresi proficui rapporti di questo tipo (vedi Maxwell e Julio Cesar) è in pole.

Esplosione nel sudamericano under 17– Ma andiamo a conoscere Kerlon. Stella indiscussa delle giovanili del Cruzeiro, club in cui milita attualmente, si è messo in luce nel campionato sudamericano under 17 del 2005 dove, oltre a vincere il titolo, si è aggiudicato il premio di capocannoniere (8 reti in 7 partite) e miglior giocatore. Kerlon, inoltre, si è fatto tutta la trafila delle nazionali verdeoro dall’under 15 all’under 20 attuale.

Molti dribbling, troppi infortuni– Classico brevilineo (è alto 166 cm), è in grado di giostrare sia da trequartista che da seconda punta. Il soprannome di Foquinha (piccola foca), invece, deriva dalla sua abilità nell’avanzare palleggiando con la testa. Il suo punto di forza è il dribbling, arma che si è però rivelata a doppio taglio. Gli avversari, infatti, irritati da questa sua predisposizione, hanno sovente usato le maniere forti per fermarlo. Tutto ciò, unito ad una spiacevole predisposizione agli infortuni, l’ha tenuto lontano dai campi per lunghi periodi, rendendo altalenante il suo rendimento. Ed è stata proprio la rottura del legamento crociato a bloccarne il suo sbarco a Milano nel gennaio scorso. Kerlon è stato operato dal professor Benazzo, medico di fiducia dell’Inter, ed è rappresentato da Mino Raiola, noto procuratore di Ibrahimovic e Maxwell. Come se non bastasse, il 20enne carioca è stato avvistato in tribuna a San Siro in occasione dell’ultimo derby con il Milan al fianco di una nutrita schiera d’interisti: lo stesso Ibra, Figo, Dacourt, Cordoba, Samuel e Solari. Se tre indizi non fanno una prova, poco ci manca…