17/11/2017

Comproprietà: gli affari più importanti

giugno 26, 2008 di  
Inserito in Calciomercato news

Alle 12 di oggi il capitolo comproprietà sarà definitivamente chiuso. A quell’ora, infatti, verranno aperte le buste per tutti i giocatori per i quali non è stato trovato un accordo. Le ultime ore sono state caldissime su questo fronte, andiamo a vedere quali sono stati gli affari più importanti andati a buon fine.

Comproprietà risolte- La mossa più sorprendente è il riscatto di Mesto da parte della Reggina. I calabresi effettuano uno sforzo economico importante, versando 3 milioni all’Udinese. Il jolly amaranto, però, potrebbe accasarsi altrove (Genoa o Fiorentina): in quest’ottica va letto l’investimento di Foti. Rettifica sul caso Acquafresca. I nerazzurri hanno riscattato l’altra metà del cartellino per 5 milioni, ma hanno lasciato il bomber italo-polacco a Cagliari con la formula del prestito. I rossoblù hanno lasciato anche la metà di Esposito alla Roma, ottenendo in cambio il difensore Magliocchetti. Floro Flores è tutto dell’Udinese, all’Arezzo vanno 2,3 milioni e il prestito di Masiello; la compartecipazione di Pieri, invece, viene risolta a favore della Samp. Rinnovo per Papa Waigo, che rimane dunque alla Fiorentina.

Comproprietà di B e C- In B, il Livorno riscatta dal Bologna Danilevicius e Loviso e prende l’esterno Gorzegno dallo Spezia, confermando i suoi progetti ambiziosi. Bei colpi anche del Modena, che fa suoi Bruno (Chievo), Troiano, Gemiti (Piacenza) e a sorpresa Pinardi (Lecce): il fantasista, però, dovrebbe migrare verso altri lidi. Scatenato il Piacenza: riscatta Tulli (Lecce) e rinnova la comproprietà di Guzman con la Juve. Non viene esercitata l’opzione, invece, per Dedic, che fa ritorno a Frosinone. Capitolo Rimini. Bomber Moscardelli è tutto suo (Cesena), rimangono Regonesi (Albinoleffe), Basha (Lucchese) e La Camera (Padova). Rimane in sospeso la questione Vantaggiato con il Bari. E proprio i pugliesi mettono a segno un bel colpo assicurandosi l’intero cartellino di Cavalli: versati al Vicenza 280mila euro. Incerto sino all’ultimo i destini degli altri biancorossi pugliesi Carozza (Pescara) e Anaclerio (Piacenza). Nella nuova Lega Pro, gli affari più importanti riguardano Pellicori, Del Core e Campedelli. Il primo, richiesto da mezza B, diventa tutto dell’Avellino grazie ai 600mila euro versati nelle casse del Cesena, che a sua volta rinnova la comproprietà del terzo della lista con i canarini (restano in riva al Savio anche Cortellini, Turati, Cusaro e Buda). Il fantasista ex Catania, invece, viene riscattato dal Foggia.

Alle buste- Ecco qui i casi più spinosi che verranno risolti soltanto con l’apertura delle buste. Cacia, conteso da Piacenza e Fiorentina, dovrebbe finire agli emiliani, la cui offerta (2,8 milioni) è superiore a quella dei viola (2,6 mil). Il bomber tornerà in Emilia solo per far le valigie: per lui si è già scatenata un’asta tra Atalanta, Catania, Lecce, Toro e chissà chi altro ancora. Tissone finirà all’Udinese. I friulani offrono 4,2 milioni, i bergamaschi “solo” 2,7. Il Toro la spunterà su Ascoli e Lecce per per gli attaccanti Bjelanovic e Abbruscato, spesa complessiva 2 milioni circa.

Altri affari- Il Palermo si assicura le prestazioni del forte centrale Carrozzieri. All’Atalanta 3,5 milioni, al giocatore un quadriennale. Fitti incroci sull’asse Siena-Roma. Arrivano alla corte di Giampaolo Barusso (prestito), Curci (comproprietà, 3 mln per il riscatto) e Galloppa, riscattato per 1,75 mln.  Sbarca in riva al Tevere, invece, il difensore Loria. Costo dell’operazione 2,8 milioni, il centrale vestirà giallorosso per i prossimi 3 anni. Forestieri, invece, diventa tutto del Genoa ma rimarrà un altro anno (in prestito) in Toscana.