20/08/2017

Il Portogallo delle stelle torna a casa: Germania in semifinale

giugno 20, 2008 di  
Inserito in Euro 2008

Corsi e ricorsi storici? Forse sarebbe meglio asserire che il calcio è imprevedibile e che la teoria dei favoriti trova il tempo che trova. Il Portogallo del prossimo pallone d’oro Cristiano Ronaldo dice addio all’Europeo, e chi aveva scommesso sulla vittoria finale degli uomini di Scolari deve ricredersi, e anche di tanto dopo la partita di ieri sera. Sì, perchè la Germania è stata nettamente superiore in tutto e per tutto. Il 4-4-2 di Loew annulla tatticamente il gioco più sbilanciato dei portoghesi, i quali risentono troppo della giornata no di uomini chiave come Deco, regista in crisi di idee dopo un avvio di torneo spettacolare.

Schweinsteiger– La stella che brilla di più non è il talento portoghese del Manchester ma il biondissimo laterale destro tedesco, autore del gol del vantaggio e di giocate velocissime: spettacolare triangolazione con Ballack e Podolski, che serve su un piatto d’argento una palla che è impossibile sbagliare. E siamo solo al 22′ del primo tempo, in una gara che prometteva spettacolo e lo ha offerto. Anche perchè dopo 4′ è Klose a raddoppiare, un gol che cercava dalla prima partita.

Portogallo poco “squadra”– La vera sconfitta dei portoghesi è da addebitare alla poca coesione di gioco: troppe “prime donne”, che girovagano sul campo in cerca del colpo ad effetto, mai messo a segno però. Fatta eccezione della rete di Nuno Gomes, che spinge in rete su un rimpallo di Lehmann, “aggredito” in area dalla velocità di Cristiano Ronaldo.

Difesa in bambola– Il terzo gol della Germania è invece un regalo enorme della difesa portoghese: Ballack salta più su di tutti, spinge furbescamente Paulo Ferreira e insacca in rete. Ma ci si chiede dove fosse Ricardo in quel momento. Al 22′ della ripresa fuori Gomes, dentro Nani. E da questo momento l’approccio alla gara degli uomini di Scolari cambia, perchè il giovane giocatore del Manchester semina pericoli costanti sulle fasce. Ed è proprio da un suo cross che arriva il secondo gol dei rossoverdi. Ma ormai è troppo tardi, mancano 4′ più recupero e si alimenta solo l’illusione.

Ora la Germania vola in semifinale, e aspetta dalla gara di stasera la prossima avversaria: Turchia o Croazia.