20/08/2017

Un Portogallo inarrestabile vola ai quarti

giugno 11, 2008 di  
Inserito in Euro 2008

Il Portogallo fa paura. I lusitani, oltre alla solita dose di bel gioco e possesso palla, mostrano cinismo, qualità che storicamente albergava altrove. A farne le spese è una buonissima Repubblica Ceca, capace di spaventare Ronaldo & co. ma troppo sciupona. Il match con i turchi sarà quindi decisivo, mentre i lusitani volano già ai quarti.

La partenza è a tinte rossoverdi. Deco finalizza una mischia in area davanti a Cech dopo un’azione travolgente di Cristiano Ronaldo. I cechi, però, non si scompongono. Reazione e pareggio son presto serviti: Sionko batte Ricardo con un perentorio stacco di testa. I portoghesi applicano il consueto possesso palla, Simao e Ronaldo si scambiano spesso le posizioni. Bruckner, invece, ha rivoluzionato l’approccio tattico della sua squadra, rinunciando alla torre Koller e affidandosi alla rapidità di Baros unica punta e agli inserimenti dei centrocampisti. La mossa paga, la difesa lusitana traballa. Plasil, però, fallisce una ghiottissima chanche. E’ l’episodio che cambia la partita, perchè dall’altra parte non si fanno sconti. Deco serve Ronaldo che fa secco l’estremo ceco dal limite. Nella ripresa la formazione di Bruckner potrebbe ancora rimediare. I soliti Baros e Sionko impensieriscono un Ricardo incerto ma decisivo sull’inzuccata del laterale del Copenaghen. A questo punto, la formazione di Scolari sfodera tutto il suo cinismo. Il contropiede orchestrato dall’asso del Manchester (a tratti incontenibile) e rifinito da Quaresma è il sigillo su partita e qualificazione.