21/08/2017

Napoli balla il tango con “El tanque” Denis

giugno 11, 2008 di  
Inserito in Calciomercato news, Napoli

Napoli all’argentina. Il partner d’attacco di Lavezzi per la stagione ventura, infatti, sarà il connazionale German Denis. Il club partenopeo l’ha pescato nell’Independiente, dove nell’ultimo Clausura ha messo a segno 9 gol. “El Tanque” (il carrarmato) è pronto ad abbattere le nostre difese: sarà l’ennesima scommessa vinta dal d.s. Marino?

Per German, a dire il vero, si tratta di un ritorno nel nostro paese. In pochi ricordano la sua (infelice) parentesi a Cesena, due stagioni trascorse senza lasciare il segno (appena 3 gol in 28 presenze). Il Denis bianconero, appena 18enne, era però troppo acerbo. Il salto da una realtà come l’Atletico Los Andes (20 reti in 24 presenze) a quella del campionato di serie B italiano fu prematuro. Ma le qualità comunque c’erano, e negli ultimi 5 anni in patria sono venute a galla. La sua crescita è stata progressiva e costante, facendo di lui una delle prime punte più interessanti del torneo. All’Arsenal de Sarandì, squadra rivelazione del Clausura 2005, e al Colon, dove firma 11 gol, inizia il rilancio. Arriva così la chiamata in un grande club, l’Independiente. Il tecnico dei tempi dell’Arsenal (Burruchaga), infatti, rivuole a tutti i costi il suo pupillo. German non tradisce le attese. Dopo un anno in sordina, esplode nell’Apertura 2007: 18 reti, record del torneo soffiato a Calderon (17); traballa persino il primato assoluto dell’intramontabile Martin Palermo (20 reti nell’Apertura ’98). L’exploit gli vale addirittura la convocazione in nazionale dove colleziona 2 presenze. Nell’ultimo Clausura ha confermato le sue doti di bomber, mettendo a segno 9 reti.

Abilissimo di testa, letale in area di rigore, capace di segnare indifferentemente sia di destro che di sinistro, Denis si distingue per la forza fisica e la determinazione. Queste caratteristiche gli sono valse il soprannome di Tanque. Napoli è piazza storicamente favorevole agli argentini, Lavezzi ha confermato questo tendenza. Vedremo se l’investimento da 7 milioni di euro circa su questo ragazzo dell’83’ si rivelerà azzeccato oppure no: il carrarmato spazzerà le nostre aree di rigore o “sparerà” a salve?

Lascia un commento

Dì la tua su questo articolo

You must be Autenticato come to post a comment.

-->