20/09/2017

Croazia ok con il minimo sforzo

giugno 8, 2008 di  
Inserito in Euro 2008

Era destino che l’avventura europea delle padrone di casa iniziasse male: dopo il ko patito dalla Svizzera con i cechi, anche l’Austria perde all’esordio. Merito della Croazia che, con il minimo sindacale, porta a casa tre punti importantissimi.

Pronti via e l’Austria si complica la vita. Entrataccia di Aufhauser in piena area su Olic e rigore ineccepibile. Modric, neoacquisto del Tottenham, trasforma calciando centrale. La formazione di Hickersberger abbozza una reazione, ma la qualità scarseggia e i croati possono amministrare agevolmente. Nella ripresa la formazione di casa entra con lo spirito giusto, lanciandosi all’arrembaggio. Il problema, però, rimane lo stesso: le idee sono pochine, la difesa di Bilic non viene mai seriamente impensierita. Hickersberger getta nella mischia Vastic sperando nel guizzo del giocatore più esperto del torneo. Il c.t. croato, invece, si copre con Knezevic, centrale del Livorno, per l’esterno offensivo Krancjar. Gli austriaci ci provano con Vastic e Ivanschitz, ma l’occasione più ghiotta capita a Kienast: il suo colpo di testa esce di pochissimo. Vince la Croazia, ma dalla squadra capace di espugnare Wembley ci si aspettava molto di più.