17/08/2017

Inizia bene il cammino azzurro verso l’Euro Under 19

maggio 27, 2008 di  
Inserito in Calcio giovanile

La Svizzera in questo finale di stagione sarà il crocevia delle speranze azzurre: la nazionale maggiore giocherà infatti le prime tre partite (speriamo non le uniche) del suo Europeo nel paese alpino. Ma non è l’unica: anche il destino dell’Italia Under 19 si deciderà qui. Tra Sion e Martigny gli azzurrini del C.t. Francesco Rocca cercheranno di conquistare il pass per la fase finale del loro torneo continentale, che si disputerà invece in Repubblica Ceca a fine luglio. Il sorteggio è stato tutt’altro che benevolo: oltre ai padroni di casa, sono finiti nel Gruppo 6 della fase Elite anche la Svezia e la Francia. Soltanto la vincente passerà il turno. Favoriti d’obbligo i francesi, che potranno contare, tra gli altri, sulla punta del Bordeaux Obertan, esploso in questa stagione in prima squadra. Ma anche l’Italia, nonostante una rosa più giovane della concorrenza, con molti ragazzi del 90′, potrà calare alcuni assi: Paloschi, Forestieri, Bolzoni e Okaka su tutti. E proprio i primi due hanno timbrato la vittoria dell’esordio contro gli svedesi, un 2-0 che fa ben sperare. Nell’altra partita del girone il protagonista è un altro “italiano”: il torinese Malonga, con una doppietta che ha contribuito alla vittoria della sua Francia per 3-2 sugli elvetici. Prossimi impegni il 28 maggio con la Svizzera e il 31 con la Francia.

Nel frattempo alcune nazionali hanno già guadagnato l’accesso alla fase finale: oltre ai cechi si sono qualificate la Bulgaria (a punteggio pieno nel Gruppo 3 davanti alla sorprendente Islanda, alla Norvegia e a Israele), la Germania (Gruppo 4 con Croazia, Slovacchia e Albania), la Spagna, vincitrice delle ultime due edizioni, nel Gruppo 7 davanti a Ucraina, Turchia e Armenia e a sorpresa l’Ungheria nel Gruppo 2 battendo il Portogallo, oltre a Cipro, dopo il pareggio inaugurale con la Lituania. La débacle portoghese è particolarmente fragorosa, perchè arriva dopo la mancata qualificazione all’Euro Under 17. Annus horribilis per una delle nazionali più competitive d’Europa a livello giovanile.