20/11/2017

Caccia a Padoin, l’ennesimo episodio di un calcio malato.

maggio 6, 2008 di  
Inserito in Serie A

90′ di Atalanta-Livorno. I labronici hanno da poco agguantato il 2-2 sul campo di una squadra priva di stimoli e obiettivi. Il pareggio mantiene viva una fiammella per il raggiungimento di una salvezza problematica. Coppola lancia lungo e imbecca Padoin. Il jolly orobico vede Amelia fuori dai pali e tenta il pallonetto dalla lunga distanza: ne scaturisce un gran gol, la rete del 3-2 che condanna quasi certamente gli avversari alla B. Critici e pubblico pensano: era ora, finalmente una partita giocata onestamente, un match disputato fino all’ultimo da entrambe le squadre, senza “regalini” o sotterfugi più o meno nascosti. E’ questa l’illusione degli sportivi davanti allo schermo o allo stadio.

Peccato, però, che i giocatori del Livorno la pensino in modo completamente differente. Al fischio finale i gemelli Filippini, Grandoni, Pasquale, Balleri e Pavan iniziano una vera e propria caccia all’uomo. Indovinate a chi? A Padoin, naturalmente. Il suo peccato è quello di aver cambiato un risultato (forse) premeditato, di aver rovinato il “biscottone”: ricordate quanto lo temevamo noi italiani agli ultimi Europei? Timori ben fondati dopo aver visto come maturò quel beffardo (per noi) 2-2 nel derby scandinavo. Noi annusammo il pericolo perchè, purtroppo, siamo avvezzi a vedere questi episodi. Episodi che riempiono le partite di fine stagione. L’anno scorso ci fu la polemica rovente del Catania per una sfida fondamentale in chiave salvezza, senza rievocare il terribile fantasma di Calciopoli e il terremoto che ha causato.

L’inseguimento a Padoin è costato caro al Livorno. Balleri ha beccato 5 turni di stop, Emanuele Filippini 3, Pasquale 2, Balleri, Antonio Filippini, Balleri e Pavan 1. Ben 6 giocatori squalificati, una tegola pesantissima su una squadra alla caccia di una salvezza disperata. Le motivazioni delle squalifiche son legate al parapiglia che si è scatenato negli spogliatoi al termine della partita.

Lascia un commento

Dì la tua su questo articolo

You must be Autenticato come to post a comment.

-->