24/09/2017

Rimonta e festa merengue.

maggio 5, 2008 di  
Inserito in Calcio Estero, Liga

Il Real Madrid conquista il secondo titolo di Liga consecutivo. E lo fa in una serata pazzesca che ricalca l’andamento della Liga di quest’anno. Il match con l’Osasuna è grigio nel primo tempo. Cannavaro si fa espellere subito nel secondo, ma sono i futuri campioni a sfiorare il vantaggio con Sneijder al 57′(traversa) e Robben (Ricardo salva). Al 86′, però, i tifosi madridisti temono di dover rinviare ancora i festeggiamenti per il 31° titolo: Heinze commette fallo di mano in area, Punal trasforma il penalty. Gli ultimi 5 minuti sono imprevedibili persino per gli ultras più ottimisti. Robben e Higuain ribaltano il risultato rendendo inutile il 2-0 del Villarreal sul Getafe. E’ fatta.

Schuster, quindi, imita il suo predecessore Capello. Per il tecnico è il terzo titolo con i blancos dopo i due da giocatore (1989-1990). Il Real ha vinto un’edizione di Liga un pò dimessa, portando a casa la vittoria con il minimo sindacale. Il decantato Barcellona, partito in estate con l’ostentazione dei Fantastici 4, si è sfaldato sotto il peso delle polemiche e di uno spogliatoio divenuto ingestibile. Il caso Ronaldinho è la prova più evidente, ma i malumori di Deco e Henry non sono da meno. Così le merengues sono rimaste in vetta dalla prima giornata fino ad oggi, l’assalto dei blaugrana ha avuto il picco massimo alla 25°giornata (quando tornarono a -2; “Altro ko per il Real, Barça a -2“) salvo spegnersi miseramente nei week-end successivi e in un finale di stagione da film horror (il Villarreal ha soffiato agli uomini di Rijkaard anche il secondo posto). Nonostante i numerosi passi falsi, quindi, il Real ha condotto in porto il successo. La stagione, però, non è stata tutta rose e fiori: brucia ancora, infatti, l’eliminazione negli ottavi di Champions per mano della Roma (“Roma caput mundi“). A Madrid, esauriti i festeggiamenti, chiederanno una squadra competitiva per la prossima Champions, perchè la dimensione giusta per questo club è quella europea.