22/09/2017

Juve, Champions in tasca.

aprile 17, 2008 di  
Inserito in Juventus, Serie A

Nel recupero della 31°giornata di campionato, gara rinviata per la tragedia occorsa al tifoso gialloblù Matteo Bagnaresi (vedi “Un’altra maledetta domenica“), la Juve si è imposta nettamente sul Parma con il risultato di 3-0. Questo successo mette in cassaforte la qualificazione bianconera alla prossima Champions, poichè il vantaggio sulle quinte (Milan e Sampdoria) lievita così a 10 punti.

Ranieri, ancora una volta, sopperisce benissimo alle assenze con accorgimenti tattici acuti. Sulle fasce Palladino e Salihamidzic, l’eroe del big match con il Milan (vedi “Lotta scudetto e Champions invariate“), annichiliscono i dirimpettai Zenoni e Castellini, ma la chiave tattica del match è lo spostamento in mezzo al campo (mossa già tentata con successo) di Camoranesi. Privo di Zanetti e Sissoko, il tecnico romano si affida alla fantasia dell’italo-argentino, venendo ampiamente ripagato. Prima salta due uomini e regala una grande chanche a Palladino, poi incorna su corner di Del Piero, la sfera finisce a  Trezeguet che insacca a pochi centimetri dalla porta in evidente (ma non segnalata) posizione di fuorigioco (17′). Al 30′, invece, sfodera uno splendido lancio di 50 metri ad imbeccare l’attaccante napoletano che infila Bucci con un bel diagonale. Per il Parma è notte fonda. La partenza sprint dei bianconeri, certificata anche da altre occasioni (una a testa per Trezeguet e Salihamidzic), stende dunque la Cuper band. La ripresa vede i padroni di casa amministrare in scioltezza il vantaggio e arrotondare con uno sfortunato autogol di Morrone: il lancio di Tiago, subentrato a Camoranesi, impatta sul centrocampista gialloblù e si impenna beffando così Bucci. La Juve vola, mentre il Parma rimane ad un passo dal baratro. E per Cuper c’è pure la beffa di dover ascoltare cori di ringraziamento da parte della curva Scirea per quel famoso 5 maggio 2002.