23/09/2017

Konko oggetto del desiderio. Si complica l’affare Amauri.

Konko oggetto del desiderio. Il centrocampista francese, dopo l’opaca stagione al Siena, si è rilanciato alla grande alla corte di Gasperini. Terzino o ala destra, mediano o regista, Konko ha sfoderato grandi prestazioni in qualsiasi zolla del campo, dimostrando grande duttilità. Questa caratteristica, unita a corsa, forza fisica e intelligenza tattica, ha fatto lievitare la valutazione del jolly marsigliese, passando da 2 a 6 milioni. Per lui si è scatenata una maxi asta. Inter, Palermo e Fiorentina sono i club più interessati. I siciliani hanno un canale preferenziale con il Grifone per l’affare Bovo in sospeso (è in comproprietà), ma i nerazzurri stanno premendo più di tutti. Incassando i soldi della cessione di Konko, il club rossoblù potrebbe trattenere Borriello, considerata anche la disponibilità milanista in merito.

Per un affare che decolla, un altro si complica. Stiamo parlando di Amauri, da tempo nel mirino della Juve. La valutazione del brasiliano che presto diventerà italiano è di 25 milioni. Una cifra importante. Alcune contropartite tecniche potrebbero ammorbidire la spesa, secondo le strategie del club di via Galileo Ferraris. Il nodo della trattativa è proprio qui. I bianconeri hanno offerto Almiron, attualmente in prestito al Monaco, ma il  mediano non interessa ai rosanero a causa del suo ingaggio elevato. Palladino, invece, era merce di scambio gradito, ma l’attaccante ha risposto picche. L’ultima offerta comprende Marchionni più un altro giovane. Zamparini, invece, ha chiesto Nocerino e la comproprietà di Lanzafame: quest’ultimo, però, è “promesso sposo” al Siena. Si attendono nuovi sviluppi. Chi vestirà certamente di bianconero nella prossima stagione è Giovinco. Il d.s. Secco ha annunciato che il fantasista in prestito a Empoli farà ritorno alla base.

Capitolo Cassano. Il gioiello di Bari ha accettato una decurtazione di stipendio pari a 1,6 milioni, passando dunque da 4,2 a 2,6 milioni annui. Un consistente sconto per rimanere alla corte di Mazzarri. Il nuovo contratto, infatti, scadrebbe nel 2013, legando a lungo il fantasista alla Sampdoria. Rimane l’ultimo scoglio, ovvero il club detentore del cartellino, il Real Madrid. Il prezzo del riscatto a favore dei blucerchiati è fissato a 5,5 milioni di euro, ma la speranza è di spenderne la metà. Ottenuto il sì del giocatore, la Samp potrebbe indurre il Real ad accondiscendere a questa richiesta.