17/12/2017

Real fermato a Maiorca ma sempre a +7. Bocciato il Villareal all’esame Siviglia.

aprile 7, 2008 di  
Inserito in Calcio Estero

La Liga non smette mai di stupire. Il Real continua ad offrire occasioni alle sue avversarie, sembra voler perdere il primato, ma le rivali gareggiano con lui in mediocrità. Risultato: merengues ancora a +7.

La trasferta di Maiorca si è rivelata ostica come da previsione. Gli isolani sono in lotta per l’Uefa, sono reduci dalla vittoria di Valencia ed inferociti per il 3-4 del Bernabeu condizionato dalla condotta arbitrale: tre buoni motivi per dare filo da torcere ai blancos. Il Maiorca si fa subito vivo con il trio d’attacco Guiza-Arango-Ibagaza, il Real replica con Guti e Robben. Il pubblico di casa rumoreggia per un episodio dubbio in area, immediatamente dopo le merengues passano: cross di Robben e rasoterra vincente di Sneijder. I rossi richiedono un altro rigore per un fallo di mano di Cannavaro e ripartono a testa bassa anche nella ripresa. A metà tempo, l’episodio chiave: Sergio Ramos colleziona due gialli e lascia i suoi in 10 (7° rosso in sole tre stagioni, un vero e proprio record negativo per l’esuberante terzino iberico). Gli effetti si fanno sentire, tant’è che Valero coglie il pari e bomber Guiza fallisce da due passi il 2-1. Punto d’oro, quindi, per i blancos.

Più che d’oro, sembra di platino visti i risultati altrui. Il Barça vince, infatti, il trofeo della sfortuna con il Getafe: tre pali, un rigore negato e due miracoli di Abbondanzieri sono il poco invidiabile score dei blaugrana. Eto’o è impreciso nelle conclusioni e passaggi, Dos Santos, alla ricerca del riscatto, è jellato, mentre l’onnipresente Xavi deve arrendersi ad un super Abbondanzieri. L’ordinata e difensiva compagine di Laudrup colleziona un altro prestigioso pari dopo l’1-1 di Monaco di Baviera e, soprattutto, fa un enorme regalo ai “cugini maggiori”.

Bocciato il Villareal all’esame Siviglia. Il Sottomarino Giallo affonda al Sanchez Pizjuan e fallisce l’opportunità di portarsi a -4 dal Real. Il Siviglia rompe subito l’equilibrio con Luis Fabiano, sempre più “pichichi” della Liga con 23 centri. Navas a fine primo tempo si fa stendere in area da Diego Lopez, Kanoutè trasforma con freddezza il penalty del 2-0. Gli andalusi meritano ampiamente la vittoria, apparendo rigenerati dopo l’opaca prestazione del Bernabeu di 7 giorni fa. Nella lotta Champions, roboante e importante successo dell’Atletico che travolge 6-3 l’Almeria (doppietta di Aguero, giunto a 14 centri), mentre il Racing cede in casa col Deportivo. Continua, invece, l’annus horribilis del Valencia, ko a Murcia e scivolato addirittura al 13°posto.