24/09/2017

Ancora Bojan, poi tanta sofferenza: il Barça c’è.

aprile 2, 2008 di  
Inserito in Champions League

Si rivede un sorriso in casa Barça. E’ quello stampato sul viso di Bojan Krkic, ragazzino terribile che regala un prezioso quanto sofferto successo a Rijkaard in terra di Germania. Il 17enne di origini serbe sostituisce Ronaldinho e, all’esordio nella massima competizione europea, si toglie lo sfizio di decidere il match, dopo esser andato a segno nelle ultime giornate della Liga (vedi “Nuova fuga del Real. Il Barça scivola al 3°posto“). Il Barcellona, comunque, ha evidenziato le sue attuali difficoltà anche a Gelsenkirchen. I blaugrana sono stati brillante soltanto nel primo tempo contro un avversario nettamente inferiore. Oltre al gol di Bojan, ben assistito da Henry, hanno infatti sfiorato il raddoppio in un paio d’occasioni. Dopo un’ora abbondante di gioco, però, si spegne la luce e le gambe non vanno più: una costante dei catalani in questa fase della stagione. E così lo Schalke parte all’attacco, sfiorando tre volte il pari. Su tutte spicca la palla-gol concessa ad Altintop, ma il turco usa il fioretto al posto della sciabola e spreca. I tedeschi si vedono negare anche un rigore (trattenuta in area su Westermann, il migliore dei suoi) e non approfittano di un Barça alle corde. L’1-0 è un buon viatico per il ritorno per gli uomini di Rijkaard, ma in semifinale, molto probabilmente contro il temibile Manchester, servirà ben altro.