19/11/2017

Milan,Eto’o e Mexes i nuovi obbiettivi.

marzo 28, 2008 di  
Inserito in Calciomercato news, Milan, Roma

Sono Eto’o e Mexes i nomi nuovi sul taccuino degli uomini di mercato rossoneri. La punta del Barça e il centrale della Roma sarebbero i due rinforzi primari per l’inevitabile rivoluzione estiva a cui andrà incontro il club milanese(vedi “Al via la rifondazione milanista“, “Milan,scatta l’ora del rinnovamento“).

Il centravanti camerunense, divenuto comunitario a settembre (aspetto da non trascurare), è nell’agenda di Galliani e Berlusconi già dalla scorsa estate, quando l’arrivo di Henry in Catalogna incupì non poco il numero 9 blaugrana. L’ipotesi Eto’o è molto gradita in via Turati per diversi motivi: in primis perchè la sua valutazione è scesa sensibilmente rispetto ad un anno fa (da 40 a 30 milioni circa), in secundis per l’età del giocatore che lo fa preferire a Drogba (27 anni contro 30), infine per i buoni rapporti con Laporta maturati già con le trattative per Zambrotta. Per il laterale della Nazionale, infatti, c’è un accordo verbale tra i due club: 7 milioni ai catalani e contratto fino al 2010 per l’ex juventino. Un altro attaccante seguito dal Milan è Mario Gomez dello Stoccarda, vicecannoniere della Bundesliga, anche se è ritenuto inesperto per la ribalta internazionale. La punta che arriverà, comunque, dovrà sostituire Gilardino. Il biellese, infatti, potrebbe essere usato come pedina di scambio per arrivare a Mexes. Gli ottimi rapporti tra la dirigenze romanista e milanista potrebbero favorire uno scambio alla pari, garantendo a entrambe una rilevantissima plusvalenza. Eh sì, perchè entrambi i giocatori verrebbero valutati 24 milioni (la stessa cifra che il Parma chiese al Milan al momento dell’acquisto del bomber): la Roma ne beneficierebbe perchè pagò 7 milioni all’Auxerre per il francese, il Milan perchè ha già ammortizzato gran parte di quella cifra. La stima di Spalletti nei confronti dell’ex parmense potrebbe fare il resto. Un altro giocatore da utilizzare come pedina di scambio è Borriello. In questa operazione, però, c’è un grossissimo ostacolo: Preziosi ha valutato il capocannoniere del campionato 20 milioni di euro; ergo, i rossoneri dovrebbero sganciarne 10 per risolvere la comproprietà a proprio favore. Questo ovviamente renderebbe infattibile l’affare.