23/10/2017

Torino-Milan 0-1: vittoria d’orgoglio rossonero

marzo 22, 2008 di  
Inserito in Milan, Serie A, Torino

Quando si tocca il fondo l’unica reazione da assumere è quella di risalire, e il più velocemente possibile. Lo ha fatto oggi il Milan vincendo 1-0 a Torino nella 30esima giornata di campionato, dimostrando ancora una volta che in questa stagione è meglio giocare lontano da casa, visto la striscia positiva messa a segno fuori da San Siro, 30 punti contro i 19 casalinghi. Orfano di Kakà, per lui un problema al flessore della gamba destra, Ancelotti è costretto ad abbandonare il modulo ad una punta e sceglie il 4-3-1-2: Pato e Gilardino hanno la responsabilità dell’attacco, e non deluderanno le aspettative. Novellino, di contro, si affida al classico 4-4-2 con Stellone e Di Michele terminali offensivi. La prima frazione non regala spettacolo: le due squadre giocano in spazi ristretti, la manovra è soprattutto rossonera, ma sono i granata ad essere più incisivi con la velocità in contropiede. Stellone è una spina nel fianco per la retroguardia milanista, mentre Seedorf regala magie nell’uno contro uno. Nel secondo tempo ciò che il Milan ha costruito timidamente nei primi 45′ diventa concretezza. Gli scambi tra Seedorf, Pato e Gilardino sono sempre più pericolosi, ma è Rosina ad avere la palla del vantaggio: su di lui si fionda Kaladze e vanifica l’1-0 granata. Al quarto d’ora la prima prova-gol rossonera è il piatto potente di Seedorf, su tocco delizioso di Pato, ma l’olandese centra in pieno la traversa. Poi è Fontana a salvare la sua porta con un’uscita coraggiosa su Gilardino, servito ancora una volta dal talento brasiliano, così “dormiente” nel primo tempo quanto strabiliante nel secondo . Ma il gol è nell’aria, e arriva puntuale al 21′, sempre frutto di una triangolazione: il numero 10 milanista serve un pallonetto a Gilardino che protegge perfettamente, cade, si rialza e scarica un tiro angolatissimo che diventa prezioso con la provvidenziale deviazione di Pato. E’ un Milan diverso da quello visto contro la Sampodoria, e si vede. Cerca ripetutamente il 2-0, si rende pericoloso costantemente, quasi sempre con i numeri del fenomeno 18enne, di quelli che valgono il costo del biglietto. Ma quando perde palla sono dolori, il Torino ne approfitta con le ripartenze fulminanti, che costringono Kalac agli straordinari per proteggere la porta. Finisce 0-1, tre punti d’oro per i ragazzi di Ancelotti che salgono a 49 punti e rimangono sulla scia della Fiorentina, vincente contro la Lazio per 1-0. Per il Torino invece è la terza sconfitta consecutiva, ed ora la lotta per non retrocedere si fa dura: insieme ai granata infatti, altre sei squadre, Cagliari, Empoli, Reggina, Livorno, Catania e Parma, sono “rinchiuse” in soli 6 punti.