21/11/2017

Premier:Eduardo crac,Arsenal sotto choc.

febbraio 26, 2008 di  
Inserito in Calcio Estero

Oltre al danno pure la beffa. L’Arsenal perde fino a fine stagione per infortunio l’attaccante Eduardo e viene acciuffato dal Birmingham nei minuti di recupero. Il brasiliano con passaporto croato ha riportato la frattura di tibia e perone a causa di un’entrata killer del difensore del Birmingham Taylor: il fallaccio, a dir poco brutale, ha mandato su tutte le furie il tecnico dei Gunners Wenger. Secondo l’allenatore francese, Taylor dovrebbe smettere di giocare e, rivedendo l’intervento al replay, è difficile dargli torto. L’Arsenal, seppur in superiorità numerica per l’ovvia espulsione di Taylor, rimane paralizzato dall’episodio choccante e subisce lo 0-1 di Mc Fadden. L’unico dei Gunners a dare una scossa al match, è l’unico inglese mandato in campo da Wenger: stiamo parlando del 18enne Walcott. Il giovane attaccante entra nella ripresa e firma una doppietta; sono i primi gol in Premier per il golden boy dei Gunners. La vittoria sembra ormai conquistata, ma al penultimo minuto di recupero accade l’imprevedibile: Clichy stende Mc Fadden in area, lo stesso trasforma il rigore del definitivo 2-2. Wenger si ritrova ora con solo due attaccanti(Adebayor e Bendtner)e con un vantaggio ridotto a 3 lunghezze. Il Manchester United, infatti, approfitta della serata nera dei londinesi per ritornare prepotentemente in corsa per il titolo. E lo fa alzando la voce. La formazione di Ferguson spazza via il Newcastle in trasferta con il punteggio eloquente di 5-1. Nei Red Devils solita prestazione strepitosa di Cristiano Ronaldo che, con i due gol rifilati ai bianconeri, domina sempre di più la classifica cannonieri (21 centri). A segno anche Rooney(doppietta)e Saha. Ora il distacco dall’Arsenal si è ridotto a tre punti.

Nel duello per la quarta piazza, botta risposta tra Liverpool ed Everton. Gli uomini di Benitez, sull’onda dell’entusiasmo scaturita dal successo contro l’Inter in Champions, piegano il Middlesbrough in una partita densa di emozioni. Il merito di questo successo va tutto a Fernando Torres, che infila il portiere avversario Wheater per ben tre volte. Il Nino è scatenato e si porta così a quota 15 reti in Premier, rendendo inutili le reti di Tuncay e Downing per il Boro. L’Everton replica espugnando il difficilissimo campo di Manchester, sponda City. La sfida viene decisa a fine primo tempo, quando Yakubu e Lescott mettono a segno un uno-due micidiale nell’arco di otto minuti. Il distacco tra le due formazioni rimane, quindi, di tre lunghezze.