18/11/2017

Coppa d’Africa:Costa d’Avorio,Egitto,Ghana e Camerun le semifinaliste

febbraio 6, 2008 di  
Inserito in Calcio Estero

Avanti Costa d’Avorio, Ghana, Camerun ed Egitto. E’ questo il verdetto dei quarti di finale di Coppa d’Africa, disputatisi domenica e lunedì. Tutto facile per i favoritissimi ivoriani che hanno sepolto con una cinquina la malcapitata Guinea. Gli “elefanti”, dopo il vantaggio iniziale di Keita(il migliore dei suoi), hanno amministrato il match con un atteggiamento un pò sornione e a tratti strafottente, da buon primi della classe quali sono. I guineani sono rimasti in partita per un’ora, cioè sino a quando il super bomber dei Blues Drogba ha virtualmente chiuso la contesa. La Guinea, priva della sua anima Pascal Feindouno, in tribuna per squalifica, si è letteralmente sciolta e ha subito altri tre gol, ad opera di Kalou(doppietta)e Konè. Il 5-0 finale rispecchia i differenti valori in campo, e lancia gli ivoriani in semifinale come da pronostico. L’avversario degli elefanti sarà l’Egitto. I campioni in carica mettono sotto un buon Angola, soddisfatto comunque per il risultato raggiunto in questa competizione. Al vantaggio iniziale dei “Faraoni” su rigore(Honsi) risponde il neo centravanti del Manchester United Manucho, con un gol capolavoro di sinistro. L’ennesima prova superba del centravanti dell’Angola conferma la bontà della scelta di Ferguson. La formazione allenata da Shehata cresce nella ripresa ed ottiene il meritato gol qualificazione con un colpo fortunoso di Zaki, che devia casualmente in porta un cross di Fathi. La solidità egiziana ora è attesa dal test più probante, lo scontro con la super favorita di turno.

Avanti anche il Ghana. I padroni di casa riescono nell’impresa di eliminare la Nigeria, seppur in inferiorità numerica e sotto di un gol. Gli uomini di Vogts, infatti, hanno messo subito la testa avanti grazie ad un rigore trasformato dallo scatenato Yakubu, che ha messo in croce la difesa avversaria. Le Black Stars hanno reagito ed Essien, nettamente il migliore in campo, ha impattato il match con un perentorio colpo di testa. Al quarto d’ora della ripresa i ghanesi rimangono in dieci uomini a causa dell’espulsione di Mensah, ma la formazione di Vogts non ne approfitta. Giusto allora che un’invenzione dell’ex Udinese Muntari liberi il centravanti Agogo davanti al portiere:2-1 per il Ghana a pochi minuti dal termine ed esplosione finale dello stadio di Accra.

La sfida più bella di questi quarti, però, è stata Camerun-Tunisia, finita ai tempi supplementari. I Leoni Indomabili piazzano un uno-due apparentemente letale con Mbia e Geremi, salvo poi adagiarsi. A quel punto inizia la riscossa tunisina:prima Ben Saada accorcia le distanze su punizione, poi Dos Santos fa tremare la traversa camerunense. Nel finale di gara sale in cattedra il talentuoso Chikhaoui che, dopo diversi tentativi, fissa il punto del 2-2. L’inerzia sembra in mano alle “Aquile”, ma una dormita collettiva su corner permette al giovane centrocampista del Rennes Mbia di firmare una doppietta e regalare la semifinale ai suoi. Continua, quindi, la maledizione dei tunisini che non riescono a battere i Leoni da quarant’anni.

Giovedì verranno giocate le semifinali Costa d’Avorio-Egitto e Ghana-Camerun.