20/08/2017

20°giornata

gennaio 26, 2008 di  
Inserito in Serie A

Mancini sfida il tabù. L’Udinese, infatti, è l’unica squadra ad esser rimasta imbattuta nell'”era” dell’Inter dei record. Furono proprio i bianconeri, la scorsa stagione, ad interrompere l’incredibile cavalcata neroazzurra a quota 17 successi consecutivi:la striscia dei milanesi era iniziata dopo il pareggio con i bianconeri e ancora con loro è terminata. Quando di dice destino. Sfida tutt’altro che facile, quindi, per gli uomini di Mancini in questo 20°turno di campionato. L’Inter deve far i conti con le condizioni ancora precarie di Vieira e Stankovic, ma i vari Solari, Maniche, Pelè e Cesar sono pronti a dare il loro contributo. Marino non sembra aver paura del caterpillar neroazzurro, e dovrebbe schierare il solito con 4-3-3:una vittoria, d’altronde, darebbe un’enorme iniezione di fiducia ai friulani. La Roma, unica rivale attendibile del Biscione nella lotta-scudetto, affronta stasera all’Olimpico il Palermo. A guidare la rincorsa capitolina ci sarà capitan Totti, a cui verrà dedicata una speciale celebrazione per i suoi 200 gol. Stasera cercherà di battere per la settima (o più?) volta in carriera il portiere rosanero Fontana. I siciliani, invece, sono alla ricerca del riscatto dopo gli ultimi due dolorosi K.O., e l’umore del vulcanico patron Zamparini non è certo dei migliori:a Guidolin il compito di firmare l’impresa.

La Juventus vuol tornare a correre. Gli ultimi due pareggi hanno frenato la corsa-scudetto degli uomini di Ranieri che ora, probabilmente, punteranno ad un più realistico piazzamento-Champions. La sfida di Livorno è resa ancora più insidiosa dalla pesante assenza del campione del mondo Gigi Buffon. A difendere i pali bianconeri dagli attacchi di Tavano & co. ci sarà, quindi, Belardi. Flash di mercato:nelle prossime ore dovrebbe firmare per i bianconeri l’oggetto del desiderio Sissoko, che approderebbe a Torino al termine della Coppa d’Africa.
La zona Champions è ancora lontana, invece, per gli uomini di Carletto Ancelotti. Lo scivolone di Bergamo nel recupero settimanale ha complicato maledettamente i piani della truppa rossonera. Vietato sbagliare contro il Genoa dell’ex Borriello, quindi. Per ottenere tutta la posta in palio il Milan si affida al “trio delle meraviglie” brasiliano Kakà-Pato-Ronaldo. Ben decisa a mantenere la quarta piazza e, perchè no, insidiare la terza, è la Fiorentina di Prandelli. I viola trovano sulla loro strada l’Empoli:sarà dunque derby toscano. Malesani dovrebbe affidarsi ad un abbottonatissimo 4-5-1, mentre sulla sponda fiorentina tiene banco il ballottaggio Vieri-Pazzini. Uno di loro affiancherà l’imprescindibile Mutu e Santana nel tridente offensivo.

Sfida delicatissima al Delle Alpi tra Torino e Lazio. La panchina granata di Novellino è in bilico e questa partita potrebbe rivelarsi decisiva per le sorti dell’ex tecnico doriano. Se il Toro non sorride (la vittoria manca da 90 giorni), la Lazio non sta meglio. I biancocelesti, dopo il bellissimo terzo posto della scorsa stagione, sono invischiati più che mai nella lotta salvezza. Una buona notizia, però, è arrivata dal mercato:il club capitolino, infatti, ha strappato proprio al Torino il bomber Rolando Bianchi, che rientra in Italia dopo la parentesi inglese di Manchester, sponda Citizens.

Tutte le speranze riposte in Pasqualino Foggia. Il fantasista napoletano(al rientro) si trova di fronte la squadra della sua città, ma non deve farsi prendere da eccessivi sentimentalismi:il suo Cagliari, infatti, si affida a lui per risalire la china. Nemmeno in casa Napoli regna la serenità. Il pubblico e il presidente De Laurentiis non sono soddisfatti del lavoro svolto sin qui dal tecnico Reja:entrambi pretendono il bottino pieno dalla trasferta isolana.

Completano il quadro della giornata l’anticipo(ore 18)Sampdoria-Siena(la prima in lotta per l’Uefa, la seconda per la salvezza), Atalanta-Reggina e Catania-Parma.